Spoleto, primavera ricca di mostre ed esplorazioni sull’età infantile

Tra le mostre che coloreranno Spoleto "Infinita infanzia" di Saverio Verini, un viaggio nel mondo dei bambini, anche per adulti

A Spoleto presso Palazzo Collicola, arriva una primavera ricca di iniziative artistiche: Compresenza, con le sculture disseminate di Eduard Habicher che dialogheranno con la collezione permanente del palazzo; l’installazione di Daniele Di Girolamo Cose bellissime che si dissolvono (un incontro), che si interroga sul tema della caducità dei rapporti umani e Infinita infanzia, allestita al piano terra del palazzo e curata da Saverio Verini, direttore dei Musei civici di Spoleto. Quest’ultimo progetto espositivo prende ispirazione dal saggio La stagione fatata, scritto da Verini stesso. Ora si sa, le fate possono essere sia buone che cattive: dunque una stagione fatata implica sia le luci che le ombre.

Partendo proprio dal libro, scopo della collettiva è quello di esplorare le sfaccettature dell’infanzia, una fase di vita fondamentale – e spesso ingiustamente non abbastanza ricordata – in cui l’individuo comincia a costruire la sua identità. Dal piacere della sorpresa, al dolore della caduta, alla nostalgia e alle rivelazioni talvolta traumatiche, ogni artista che ha contribuito a questa mostra ha provato prima di tutto a tornare bambino. Il pubblico a cui la rassegna si rivolge è ovviamente assai ampio e intende offrire uno sguardo sull’arte contemporanea degli ultimi decenni, con artisti specialmente italiani. Voci diverse che raccontano attraverso la loro personale visione – la fase dell’infanzia – al contempo semplice e complessa, intrigante ma ingenua.

Tra questi Diego Marcon, Luigi Ontani, il duo di Vedovamazzei, Adelaide Cioni, Andrea Salvino e molti altri ancora. Come la diversità delle firme presenti, così anche i linguaggi sono molteplici: video, installazione, fotografia e performance, accompagneranno i visitatori in questo nostalgico e meraviglioso tuffo nel passato alla scoperta del bambino che giace, talvolta dimenticato, in ognuno di noi.

Infinita infanzia
Dal 23 marzo al 9 giugno 2024, Palazzo Collicola, Spoleto
info: turismospoleto.it

Articoli correlati