L’Italia dona all’Iraq una statua distrutta dall’ISIS, ora ricostruita in 3D

Il Toro di Nimrud distrutto nel 2015 dall'Isis torna in Iraq, a Bassora. La riproduzione è nata grazie a un progetto tutto italiano

L’Italia ha donato all’Iraq una statua assira ricostruita, il Toro di Nimrud. Costruita nel IX secolo a.C. l’opera è stata distrutta dalla furia iconoclasta dell’Isis durante un attacco nel marzo 2015. La scultura alta cinque metri è stato riprodotta in grandezza naturale grazie alla precisione della tecnologia 3D. Infatti, subito dopo l’attacco, un team di restauratori ha guidato il progetto, presieduto da Nicola Salvioli dell’Opificio delle Pietre Dure, dal professore Davide Nadali de La Sapienza e dalla scuola archeologica Paolo Matthiae. La riproduzione è stata possibile grazie al supporto dell’associazione Incontro di Civiltà e con il sostegno economico della Fondazione Terzo Pilastro.

La replica è stata esposta nel 2016 in una mostra al Colosseo e subito dopo è approdata a Parigi. Pochi giorni fa invece, una nuova inaugurazione in Iraq, nella città di Bassora, dove la statua è stata riposta in maniera permanente. Posizionata inoltre una targa commemorativa del gesto. Numerose le autorità presenti, sia irachene che italiane tra cui ovviamente anche il direttore del Museo di Bassora, Mustafa Jasim Al-Husseini e l’ambasciatore italiano in Iraq Maurizio Greganti.

Il Toro di Nimrud è un gioiello dell’arte assira e rappresenta un androcefalo alato che tremila anni fa proteggeva il palazzo di Ashurnasirpal II. Nell’antica religione mesopotamica si tratta di lamassu, colossi di demoni o animali che erano posti all’entrata dei palazzi reali.

Il dono è stato definito come un «miracolo della diplomazia italiana», un esempio di come ancora una volta l‘Italia si faccia paladina della tutela dei beni culturali e del rispetto della storia, che mai dovrebbe essere distrutta o cancellata, ma perenne memoria per le successive generazioni. La dimostrazione che rinascere dalla distruzione è possibile, così come non dimenticare.