Ultimora

Andrea Chiesi porta i suoi paesaggi alla NM Contemporary

Il 19 settembre nel Principato di Monaco viene presentato un nuovo talento italiano, Andrea Chiesi. La conrnice è ancora una volta la galleria NM Contemporary, un autentico laboratorio sempre al lavoro nella ricerca di validi e promettenti artisti da presentare nella scena monegasca. La mostra, dal titolo Eschatos, è la prima personale di Andrea Chiesi nel Principato. Viene presentata una selezione di nuovi lavori eseguiti a olio su lino e di disegni a china e pennarello su carta in dialogo con alcuni lavori storici dell’artista. Il tema principale e filo conduttore della mostra e della ricerca dell’artista è, da vent’anni ormai, il paesaggio. Un paesaggio che attinge a luoghi urbani ma anche a scene d’interni, domestici e non, ove la presenza dell’uomo non è visibile né dichiarata ma intuita, o meglio ”percepita” nelle architetture e negli oggetti. L’urbe ma anche la domus, convivono con elementi della natura in un equilibrio metaforico e stilistico. Il gesto pittorico è tanto preciso e geometrico per le architetture quanto lascivo e morbido per la natura che s’insinua al suo interno.

Come osserva Franco Fanelli nella sua intervista all’artista e pubblicata nella monografia ”nel paesaggio di Chiesi convivono due aspetti opposti: quello freddo dell’approccio astratto che porta a una forma di evocazione e quello neo-romantico della veduta o del paesaggio che ha invece forma di narrazione. Chiesi abbraccia entrambi in una complementarità necessaria legata all’esigenza di evocare una dimensione mentale spinta in alcune opere fino al mistico. L’esecuzione è lenta come in un mantra ed è evidente nella precisione delle linee e nei dettagli del fogliame e della luce che pervade la scena. I toni cromatici dei lavori, caratterizzati dagli inconfondibili blu e grigi, rafforzano l’aspetto onirico e psicologico della rappresentazione. La lentezza esecutiva è dunque una scelta non solo stilistica ma di vita. Lo scatto fotografico eseguito velocemente, spesso in luoghi in cui è vietato l’accesso è il preludio ad un’intima rielaborazione pittorica del paesaggio ove il tempo rallenta e lo spazio esce dal reale per divenire spazio mentale, in cui tutto è sospeso. La pittura diventa per l’artista un momento potente di meditazione alla ricerca dell’Eschatos, la natura ultima delle cose”.

Dal 19 settembre al 29 ottobre
NM Contemporary, 17, rue de la Turbie – 98000 Principato di Monaco
Info: www.nmcontemporary.com

Commenti