Ultimora

Whitelight Art Gallery presenta al Clubhouse Barberini la mostra di Opiemme

Il 2 marzo, al nuovo spazio a Roma di Copernico, Clubhouse Barberini, Whitelight Art Gallery presenta un lavoro di Opiemme, artista italiano che da anni incentra la sua pratica sul connubio tra arte pubblica e poesia. La finalità della sua arte, sin dall’inizio della sua carriera, è quella di ”svecchiare” la poesia per renderla un linguaggio universale, avvicinandola così alle persone. Dal 2013 porta avanti il progetto Un viaggio di pittura e poesia, nell’ambito del quale ha realizzato numerosi murales, con calligrammi e citazioni dedicate a diversi autori in molti paesi, fra cui Argentina e Uruguay. Il merito di Opiemme è quello, in un mondo sempre più tecnologico e apparentemente antitetico al linguaggio poetico, di aver cercato di creare un nuovo stile che fonde l’estetica e il contenuto, fra parole e colori.  Un suo murale a Gdansk (Polonia) celebra per esempio il premio Nobel per la letteratura nel 1996, Wislawa Szymborska, con un dipinto di 10 piani, riconosciuto dall’omonima fondazione dedicata alla poetessa con sede a Cracovia. Per gli spazi romani di Whitelight Art Gallery – Clubhouse Barberini vengono esposte opere su cartine geografiche, o nautiche, e su collage di quotidiani d’epoca, realizzate tra il 2014 e il 2017. Caratteristica che le accomuna l’inconfondibile stile di Opiemme fatto di lettere e calligrammi ispirati a grandi scrittori, come Arrigo Boito. Tra i lavori, anche alcune opere dalla serie Vortex, che si rifanno invece all’universo astronomico. Info: whitelightart.it

Commenti