Ultimora

Trace di Ai Wei Wei debutta a Washington

Ai Weiwei, l’attivista/ artista cinese che ha già due progetti in programma a New York City, ha aggiunto, al suo anno già al completo, un nuovo appuntamento, che rimane aperto dal 28 giugno fino al 1 gennaio 2018, all’ Hirshhorn Museum and Sculpture Garden di Washington, dal titolo Trace. Una grande installazione che si sviluppa per 700 metri e comprende 176 ritratti costituiti da migliaia di mattoncini di Lego raffiguranti persone che l’artista considera attivisti, prigionieri di coscienza e sostenitori di libertà di parola. Commissionato dalla Fondazione For-Site, il Servizio Parco Nazionale e la Conservazione del Parco di Golden Gate, è stata creata come un progetto site-specific per il sito di Alcatraz a San Francisco, dove ha attirato quasi un milione di visitatori. Un lavoro modellato sulle esperienze vissute dall’artista: nel 2011 è stato incarcerato, interrogato e tenuto sotto sorveglianza dal governo cinese per 81 giorni e poi gli è stato proibito di viaggiare all’estero fino al 2015, da allora la sua arte è riconosciuta per il suo stile di denuncia e provocazione concentrandosi sempre di più sui temi della libertà di parola e di espressione. Trace è uno dei suoi progetti statunitensi più importanti degli ultimi anni. Include sia l’arte recente che nuova, inclusa una composizione su carta da parati mai vista prima dal titolo The animal that looks like a Lama but is really an Alpaka, organizzando le immagini di apparecchiature  di sorveglianza per creare modelli intricati che richiamano il merletto o una visione multiforme. ”In tutte le opere la serietà del soggetto contrasta con la giocosità del materiale creando una dicotomia che caratterizza la filosofia dell’artista e ispira dibattiti sui temi che affronta la sua arte.” Questa è una stagione impegnativa per l’artista sulla East Coast. Il 7 giugno, apre nella grande sala di Park Avenue Armory, la sua installazione sul tema della sorveglianza Hansel e Gretel, creata con gli architetti vincitori del premio Pritzker Jacques Herzog e Pierre de Meuron. Non solo in programma c’è la costruzione anche di 100 recisioni e sculture intorno a New York per il grande progetto d’arte pubblica Good Fances Make Good Neighbors. Insomma quest’estate non ci si annoia. Info: hirshhorn.si.edu

 

Commenti