Ultimora

Sublimina, una mostra con grandi nomi sull’idea di confine

Inaugura il 14 dicembre e rimane aperta fino al 10 gennaio, la mostra organizzata dal collettivo curatoriale composto dagli studenti della sesta edizione del Luiss Master of Art, master Universitario di primo livello, sotto la guida di Achille Bonito Oliva, responsabile scientifico del master. Sublimina è il titolo dell’esposizione ospitata a Roma nel Museo delle Mura aureliane, mostra che come intenti si propone di indagare il concetto di confine in un momento storico in cui la questione sull’invalicabilità e ridefinizione di vecchie e nuove frontiere geopolitiche si manifesta in tutta la sua criticità.

Sono quindici gli artisti scelti che tentano di dare forma al concetto che tiene unito il percorso: Liu Bolin, Silvia Camporesi, Loris Cecchini, Luca di Luzio, Kaarina Kaikkonen, H.H. Lim, Eva Marisaldi, Marzia Migliora, Fiamma Montezemolo, Ariel Orozco, Alessandro Piangiamore, Pietro Ruffo, The Cool Couple, Glenn Weyant e Marco Maria Zanin. A completare il percorso una performace di H.H. Lim il 14 dicembre alle 20.00. Alla fine della mostra invece viene annunciato il vincitore del Premio Generazione Contemporanea, scelto dalla giuria composta da: Achille Bonito Oliva, Angelo Capasso, Marianna De Vita, Lorenzo Micheli Gigotti, Pia Lauro, Stefania Miscetti, Pier Paolo Pancotto, Bartolomeo Pietromarchi e Luca Pirolo. Info: www.museodellemuraroma.it/sede/mura_aureliane

Commenti