Ultimora

Emma Lavigne nominata alla curatela della Biennale di Lione del 2017

“Il Centre Pompidou può essere fiero delle sue curatrici”, scriveva qualche giorno fa sulle sue pagine il quotidiano Le Figaro. Difatti, dopo la nomina di Christine Macel (dal 2000 dirigente del museo francese) per la curatela della Biennale di Venezia del 2017, è ancora un componente dello staff del Beaubourg a ottenere un incarico prestigioso. Emma Lavigne, direttrice del Pompidou di Metz, è stata scelta come curatrice della Biennale di Lione per l’autunno del 2017 per affiancare direttore artistico Thierry Raspail. “Les Pompidou girls”, le definisce Le Monde con un inglesismo un po’ goffo ma che riempie di orgoglio il Musée national d’art moderne di Parigi. Al di là del suo sesso, la Lavigne può soprattutto vantare un curriculum di tutto rispetto, con incarichi prestigiosi come la curatela della Cité de la Musique di Parigi, o ancora quella della mostra di Dominique Gonzalez-Foerster e Pierre Huyghe al Pompidou di Parigi lo scorso autunno.

Commenti