Ultimora

Riparte Cinque mostre, l’appuntamento espositivo annuale dell’American Academy

Inaugura stasera Cinque mostre, l’appuntamento annuale dell’American Academy che vede protagoniste le opere dei Rome Prize Fellows, degli Italian Fellows e degli artisti invitati. Guest Curator di quest’anno è Ilaria Gianni, co-direttrice della Nomas Foundation che ha concepito un percorso espositivo diffuso negli spazi dell’Accademia. Intitolata Across the board: parts of a whole, la mostra raccoglie diverse attitudini e prospettive di ricerca e mette in relazione il lavoro degli artisti partecipanti con interventi site specific. Un percorso itinerante, frammentario e performativo che, attraverso un approccio multimediale, coinvolge artisti, ricercatori, compositori, musicisti, architetti, scrittori. Tra gli ospiti attesi domani, Mark Boulos, Jinn Bronwen Lee, Christopher Cerrone, Karl Daubmann (in collaborazione con il Rome Sustainable Food Project), Javier Galindo, Helena Hladilova, Emily Jacir (con John Lansdowne e Christopher MacEvitt), John Lansdowne (in collaborazione con James Huemoeller), Senam Okudzeto, Woody Pirtle, Public Fiction (con opere di Math Bass, Leidy Churchman, Cécile B. Evans, Stanya Kahn, Nikita Gale, Andrea Longacre-White, Anna Sew Hoy), Bryony Roberts, Alexander Robinson (in collaborazione con Anthony Baus), David Schutter, Maaike Schoorel, Namsal Siedlecki, Mali Annika Skotheim (con la partecipazione di Lysley Tenorio, Javier Galindo, Karl Daubman, Jenny Krieger, Michelle Di Marzo, John Lansdowne) e Nina C. Young (con Miro Magloire, Elizabeth Brown Hudec, Daniela Giannuzzi, Simone Ghera). Il bar dell’Americamn Academy, inoltre, sarò occupato da un progetto site specific, The Picture Club, una mostra all’interno della mostra curata da Ilaria Gianni, Gianni Politi e Saverio Verini. Agli artisti coinvolti è stato chiesto di riflettere sul concetto di rappresentazione in maniera critica.

Commenti