Ultimora

Imago Mundi, in mostra la collezione d’arte di Luciano Benetton

Sedici paesi, 13 collezioni, più di 2mila artisti con opere 10×12 centimetri. Un inedito e ricco ritratto artistico dell’Africa, tra radici storiche e innovazione, culture visive locali e globalizzazione. È Imago Mundi, la collezione del manager e mecenate Luciano Benetton, che dal 20 novembre all’ 11 gennaio è in mostra al museo Bilotti di Roma. Vengono esposte le collezioni contemporanee di Egitto, Eritrea, Etiopia, Gambia, Kenya, Marocco, Mauritania, Mozambico, Senegal, Somalia, Sudafrica, Sudan, Tanzania, Tunisia, Zanzibar, Zimbabwe, riunite sotto il titolo L’Arte dell’Umanità. Quella in esposizione è solo una parte dell’immensa collezione di Benetton, classificata da Artnet tra le 20 collezioni più innovative del mondo. A Imago Mundi, infatti, hanno partecipato migliaia di artisti con opere che Benetton ha commissionato e raccolto nel corso dei viaggi della sua vita. Unico vincolo è il formato: 10×12 centimetri. Entro il 2015 saranno oltre 100 i paesi coinvolti per un totale di 20mila artisti e altrettante opere. Si tratta di un progetto che al suo mecideatore piace definire ”democratico, collettivo e globale”, che guarda ai nuovi orizzonti in nome dell’incontro e della convivenza delle diversità espressive, per realizzare una catalogazione – delle poetiche e dei linguaggi, come delle opere – diversa da quella consueta, museale, di tendenza o di mercato. Imago Mundi sarà in mostra fino al 15 gennaio anche negli Usa al Noma di New Orleans. Mentre all’inizio del 2015, sarà al palazzo d’Inverno – Museo Belvedere di Vienna.

Imago Mundi ‒ Luciano Benetton Collection
L’Arte dell’Umanità
Roma, Museo Carlo Bilotti, Aranciera di Villa Borghese
Dal 20 novembre 2014 all’11 gennaio 2015
Inaugurazione 19 novembre 2014
Info: www.imagomundiart.com

 

 

Commenti