L’arte di fare la differenza

Torino

Oggi, mercoledì 14 maggio, palazzo Barolo di Torino, presenta la seconda edizione del progetto L’arte di fare la differenza, ideato da Anna Maria Pecci e curato da Arteco che vede coinvolte tre coppie di artisti: Laura Biella e Lia Cecchin, Gaetano Carusotto e Corina Elena Cohal, Ernesto Leveque e Maya Quattropani, formate tutte da un giovane under 35 e un outsider. Il progetto sostiene la creatività giovanile avviando una riflessione sull’arte contemporanea e sui rapporti che intercorrono tra le differenti visioni con il patrimonio culturale cittadino, in particolare quello poco visibile. Gli artisti hanno lavorato insieme sulle collezioni conservate al museo di Antropologia ed Etnografia dell’università di Torino portando avanti una riflessione sul concetto di inclusione ed esclusione sociale e culturale. Le opere contribuiscono alla riflessione sul ruolo della creatività contemporanea e sul suo valore di intervento su tematiche sociali attraverso l'(auto)rappresentazione di differenze culturali, ma anche come punto di forza in situazioni di disagio sociale, relazionale o psicofisico. La mostra è aperta fino all’8 giugno.