Addio a Robert Lavigne, il pittore della Beat Generation

Seattle

L’artista statunitense Robert Lavigne, che si era guadagnato il titolo di pittore della Beat Generation, è morto a Seattle all’età di 85 anni. L’annuncio della scomparsa è stato dato a funerali avvenuti dal suo amico Joe Lee, al Los Angeles Times, precisando che da tempo Lavigne viveva in precarie condizioni di salute a causa di ripetuti infarti. Autore di numerosi ritratti dei protagonisti della letteratura Beat, Lavigne ha collaborato con famosi e maledetti scrittori come Allen Ginsberg, Jack Kerouac e Robert Creeley; al tempo stesso è stato immortalato in due romanzi di Kerouac. Nativo dello Idaho, Lavigne si trasferì a San Francisco, nel 1951 diventando una figura di riferimento per la bohemian subculture che all’epoca stava fiorendo in California. Pittore tra poeti e scrittori, Lavigne dipinse i ritratti di Philip Whalen, Kerouac, Creeley, Ginsberg, Philip Lamantia, Peter Orlovsky e Michael McClure, realizzando per loro copertine di libri e illustrazioni per volumi e riviste. Tra i suoi lavori in campo editoriale spicca la copertina per un’edizione speciale di Howl (Urlo) di Ginsberg pubblicata nel 1971.

Articoli correlati