Ultimora

Una notte al museo, ecco gli appuntamenti

Dieci appuntamenti da non perdere con l’arte in notturna a Roma e nel Lazio. Domani torna l’appuntamento del ministero dei Beni e delle attività culturali con Una notte al museo, il progetto che prevede l’apertura dalle 20 alle 24 dei luoghi d’eccellenza della cultura tra musei e aree archeologiche statali. Solo a Roma sono otto i siti da visitare in un’occasione unica. Si comincia con il museo nazionale romano a palazzo Massimo, nei cui quattro piani sono ospitate sculture, affreschi, mosaici, monete e opere di oreficeria che documentano l’evoluzione della cultura artistica romana dall’età tardo repubblicana all’età tardo antica. Al museo di palazzo Altemps, invece, è possibile ammirare importanti collezioni di antichità e una significativa raccolta di opere egizie. Nelle sale ancora in parte affrescate sono poi esposte sculture greche e romane appartenute nei secoli XVI e XVII a varie famiglie della nobilta’ romana. I marmi bianchi delle sculture del Canova e di Gian Lorenzo Bernini aspettano i visitatori nella Galleria Borghese, insieme ai capolavori di Antonello da Messina, Giovanni Bellini, Raffaello, Tiziano, Correggio, Caravaggio. La Gnam, Galleria nazionale di Arte moderna, apre invece le porte a chi vuole ammirare le opere del XIX e XX secolo.

Oltre al museo nazionale Crypta Balbi, nella Capitale sono aperti in via del tutto eccezionale anche palazzo Barberini, con un One man show poetico dal titolo I segreti dell’anima, proposto dall’artista Vincenzo Bocciarelli. Un’apertura particolare è anche quella del museo nazionale Etrusco di villa Giulia, che prosegue il suo viaggio a tappe nel mondo dei 5 sensi dedicando la serata conclusiva al gusto: visite guidate sul tema Cibo di Dei… Cibo di uomini, toccando gli innumerevoli aspetti che l’alimentazione ha nel mondo antico, legandosi al rito e alla sacralità sia nella sfera funeraria che nella vita religiosa, viaggiando nelle sezioni Ritualità del banchetto, Dioniso e il vino, i cereali e i culti demetriaci, la cucina di Etruschi e Romani, Il Mito. Lasciato il territorio di Roma, il progetto del Mibac trova spazio a Tivoli nella bellissima villa Adriana, illuminata nel percorso principale, compreso il suggestivo effetto di luci sull’acqua, in uno dei luoghi simbolo della residenza imperiale, il Canopo. Per l’occasione è visitabile anche la mostra Marguerite Yourcenar – Adriano, l’antichità immaginata. A Viterbo, infine, visite guidate alla palazzina Montalto, conosciuta anche come villa Lante, mentre nel rinascimentale palazzo Farnese di Caprarola l’atmosfera sarà resa magica dal concerto per chitarra del maestro Giandomenico Anellino.

Info: www.beniculturali.it e www.valorizzazione.beniculturali.it

Commenti