Morto Jeff Hanneman, fondatore degli Slayer, pioniere del trash metal

California

All’età di 49 anni è scomparso oggi il chitarrista Jeff Hanneman, fondatore degli Slayer e con essi padre del trash metal. A comunicare la notizia su Facebook la band americana: Hanneman era ricoverato in un ospedale del sud della California, non lontano dalla sua abitazione, dove avrebbe sofferto di un’insufficienza epatica rivelatasi fatale. Con gli Slayer, attivi dal 1981, Hanneman ha segnato alcune tappe fondamentali della musica metal, specialmente con album quali Reign in Blood (1986) e Seasons in the Abyss (1990), pietre miliari del genere sia per lo stile veloce, sporco e aggressivo ispirato al punk, sia per le controversie sugli argomenti trattati, dalla religione alla guerra. Stanotte brillerà una stella in meno e il palco sarà più buio, il messaggio di cordoglio via twitter di Dave Mustain, leader dei Megadeth, che con Slayer e Metallica furono protagonisti del metal americano fra anni ’80 e ’90. Il gruppo era atteso in Italia a giugno per 4 date (Padova, Roma, Firenze e Milano).