Ultimora

Fumetti, in mostra L’audace Bonelli

Napoli Comicon, in collaborazione con Civita e Sergio Bonelli Editore, ripropone a Roma L’Audace Bonelli. L’avventura del Fumetto italiano, con una veste completamente rinnovata e arricchita che offre un quadro completo e aggiornato sulla produzione storica e attuale della casa editrice di fumetti per eccellenza. Dopo l’enorme successo ottenuto a Napoli, Salerno, Lucca, Brindisi e Trieste, Napoli, l’esposizione ospita, oltre agli ultimi personaggi sfornati dalla Sergio Bonelli Editore, anche una retrospettiva completa su Alfredo Castelli, sceneggiatore di punta e inventore dello storico personaggio di Martin Mystere oltre a una anteprima sulle nuove serie in uscita per l’editore milanese. La mostra, allestita a palazzo Incontro fino al 9 giugno, è promossa dalla Provincia di Roma nell’ambito del Progetto Abc Arte Bellezza Cultura. Sono anni di ferventi celebrazioni per il mondo del fumetto, nel mondo ed in Italia. E il fumetto italiano ha spesso un cognome ricorrente, Bonelli: Gianluigi, in primis, di cui si è appena celebrato il centesimo anniversario della nascita e di cui si sono celebrati, nel 2011, i 70 anni dall’acquisto delle edizioni Audace, che si trasformeranno nella attuale casa editrice più importante d’Italia, sotto la guida, nel dopoguerra, della moglie Tea. Negli anni, Napoli Comicon non ha quasi mai mancato di collaborare con la storica casa milanese, per mostre, ospiti ed eventi; era giunto, però, il momento di omaggiare la Sergio Bonelli Editore con una grande mostra totale che facesse anche il punto su questo fenomeno editoriale del mondo della Nona Arte che ha quasi dell’incredibile. È un progetto necessario e affascinante che permette di mostrare insieme alcuni dei personaggi e delle saghe più note tra gli appassionati (e non solo) della letteratura disegnata, e che hanno attraversato indenni decenni di storia italiana, mantenendo inalterata la qualità, oltre che la professionale serialità. Troppi sarebbero da citare, in tanti anni; Tex, su tutti, naturalmente, ma Dylan Dog, Martin Mystere, Magico Vento, Julia, Dampyr, Nathan Never, oltre che i primi eroi come il comandante Mark, Piccolo Ranger, Zagor, fino agli ultimissimi Saguaro, Dragonero e Gli Orfani. A corredo dell’evento espositivo è stato realizzato un importante catalogo che raccoglie in un volume di più di 240 pagine contributi critici inediti e tantissime immagini anche molto rare.

Commenti