Ultimora

Musica da camera, riparte l’attività della Chamber Music

Sarà la formazione cameristica in ottetto della Gustav Mahler Jugendorchester, fondata e diretta da Claudio Abbado, a inaugurare giovedì 4 aprile (ore 20.30, palazzo del governo di Trieste), la nona edizione del salotto cameristico della Chamber Music di Trieste. La rassegna, diretta da Fedra Florit, è promossa in collaborazione con l’assessorato regionale alla Cultura e con il ministero per i Beni culturali, con il patrocinio del comune e della provincia di Trieste, con il sostegno inoltre di Suono Vivo – Padova, di Banca Mediolanum, di Zkb-Credito cooperativo del Carso e del consolato d’Ungheria. Sarà dunque un concerto evento, quello della Gustav Mahler Jungendorchester, affidato a musicisti under 26. Universalmente considerata come l’orchestra giovanile più importante del mondo, la GMJO è stata posta sotto l’alto patronato del consiglio d’Europa; il suo repertorio si estende dalla musica classica a quella contemporanea e l’alto livello artistico ha spinto molti dei più grandi direttori e solisti a collaborare con la GMJO, da Claudio Abbado a Pierre Boulez, da Mariss Jansons a Bernard Haitink e Franz Weiser-Moest, da Martha Argerich a Frank Peter Zimmermann e Nikolaj Znaider. A Trieste si presenterà con Diana Tishchenko, primo violino, Saskia Ott, secondo violino, Marie Louise de Jong, viola, Marusa Bogatai, violoncello, Herbert Hackl, clarinetto, Alberto Menendez Escribano, corno, Amiel Prouvost, fagotto, Ana Cordova Andres, contrabbasso per un programma dedicato a musiche di Ludwig van Beethoven (Trio per archi in re maggiore op.9 n.2) e Franz Schubert (Ottetto in fa maggiore D. 803).

Commenti