Ultimora

No al doppiaggio, successo mondiale per i film in versione originale

Cresce la richiesta di proiezioni di film in lingua originale, in molti dicono basta al doppiaggio anche fra il pubblico italiano. Django unchained ne è un esempio eclatante: in programma al cinema Barberini di Roma, sta incassando più nella versione originale con sottotitoli che in quella doppiata. E lo stesso significativo risultato era già stato ottenuto da La miglior offerta di Tornatore e da Argo di Ben Affleck. Non è un caso, dunque, che le distribuzioni americane si stanno già attrezzando per assecondare il fenomeno: per i film più attesi verranno, infatti, messe in circolazione una decina di copie in originale. ”La tendenza” conferma Thomas Ciampa, director Sales & distribution della Warner bros ”è in crescita, anche se per ora le copie originali che distribuiamo per ogni titolo si contano sulle dita di una mano. I film in originale che hanno ottenuto più successo sono quelli destinati a un pubblico più attento, colto”. Fortunatamente anche le distribuzioni italiane stanno tentando di rispondere alla richiesta. Per esempio, la Bolero assicura che metterà a disposizione alcune copie in originale di Re delle terre selvagge.

Commenti

  • http://www.ilmondodeidoppiatori.it ilmondodeidoppiatori.it

    È giusto dare la possibilità di vedere al cinema film anche in lingua originale, ma il doppiaggio rimane un elemento imprescindibile della settima arte. Un valore aggiunto, un’eccellenza cui bisogna ritornare, quell’eccellenza che fu delle edizioni italiane dei capolavori di Kubrick, Fellini…

  • Jack D.

    Il doppiaggio è una stupidaggine!