Il dramma del Laurentino 38 in corsa al Festival di Roma

Roma

Massimo, Bianca, Stefano, Rosi, Giuliana. E tanti altri. Sono i padri, le madri, i figli di una citta’, Roma, che li ha messi ai margini. Futuro che non promette niente di meglio. L’unita’ di misura per tutti loro, li’ al Laurentino 38, e’ il “pezzo”, la dose di cocaina, “ossessivamente presente, sempre, in tasca, nella mente e nel sangue”, come dice Luca Ferrari, che in 67′ racconta la quotidianita’ di tutti loro, dietro appunto ai ‘Pezzi’. E’ un documentario insolito e agghiacciante, questo di Ferrari, oggi in concorso nella sezione Prospettive Italia al Festival di Roma, nato come evoluzione di un reportage fotografico che lo stesso regista aveva iniziato nel 2009: “Il passo dall’immagine fissa a quella filmata e’ stato naturale, aiutato dal caso e dalle nuove tecnologie, grazie alle quali e’ stato possibile lavorare praticamente senza troupe e con una macchina da presa non invadente”, spiega Ferrari.

Articoli correlati