Donne dipinte senza sfumature

La personale Oh my dog di Claudio di Carlo si inaugura all’aurum di Pescara il 30 agosto, giorno in cui prende avvio il festival del cinema Settimo senso, con la direzione artistica Arianna Di Tomasso, nella stessa sede. La mostra, a cura di Carlotta Monteverde e organizzata dalla Take away gallery apre con un happening con la regia dello stesso Di Carlo che vede partecipare Diego Conti con le sue musiche originali, la performer Angelique Cavallari, Andrea Moscianese e Antonio Mostacci.

La donna è protagonista dei quadri dell’artista: l’erotismo e il corpo femminile sono filtrati da uno sguardo che strizza l’occhio al particolare, complice della volontà di raccontare la sessualità e il rapporto uomo/donna. La serie di nove dipinti che compongono il lavoro Oh my dog, nella sala Ennio Flaiano, creano una tensione fra il visibile e l’invisibile in una apoteosi seduttiva sottilmente condotta e per certi aspetti ludica. Il punto di vista è lo sguardo di un ipotetico cane: dal basso verso l’alto, da cui prende il nome la serie. Insieme l’utilizzo del bianco e nero e del colore spesso freddo, acido e squillante. L’attenzione al coinvolgimento erotico assume un carattere polemico che si ritrova nelle opere che introducono l’esposizione collocate nella sala Barbella insieme a un video del 2003.

La politica, la denuncia del problema ambientale e di alcune problematiche sociali accompagnano il discorso che si svolge sempre nella relazione amorosa e fisica con il riferimento alla donna nella sua essenza più sfaccettata, attraverso uno stile che si apre a un taglio fotografico. I testi sono di Lorenzo Canova, Carlotta Monteverde, Germano Scurti e Antonio Zimarino, mentre il catalogo sarà corredato con il dvd dell’happening della serata inaugurale.

fino al 9 settembre

Aurum, largo Gardone Riviera, Pescara

info: www.aurum.comune.pescara.it