Arriva WOMAD a Roma: ecco la programmazione del festival

Concerti, eventi, performance per l'evento ideato da Peter Gabriel. Nel programma anche due talk curati da Inside Art

WOMAD, il festival di World Music e nuove tendenze è alle porte e sbarca per la prima volta nella capitale. E lo fa in una cornice d’eccezione come quella di Villa Ada, dal 9 all’11 giugno, sotto la guida artistica del carismatico musicista rock inglese, Peter Gabriel.

L’atteso spettacolo di apertura avrà luogo il 7 giugno alla Cavea dell’Auditorium Parco della Musica, con la presenza di Carmen Consoli, che darà voce all’anima italiana con la sua inconfondibile proposta musicale, seguita dall’interpretazione della cantante portoghese Mariza. Quest’ultima, con le sue appassionate interpretazioni, ha contribuito a diffondere il fascino del fadoportoghese in tutto il mondo. Uno straordinario momento di condivisione avrà luogo quando le due artiste si uniranno per la prima volta, regalando al pubblico attimi di autentica magia.

Il Festival è da sempre un faro di cultura e diversità, un veicolo di unione e condivisione attraverso la musica, l’arte e la danza. Oltre a far vibrare le note dei generi musicali provenienti da ogni angolo del mondo, il WOMAD abbraccia l’importanza della società multiculturale, promuovendo la solidarietà e la valorizzazione di ogni individuo. In questo contesto, l’educazione al rispetto sociale e ambientale emerge come uno dei pilastri fondamentali del festival. Attraverso un messaggio universale, il WOMAD desidera abbattere le barriere tra le persone, invitandole a esplorare nuove prospettive e ad abbracciare la ricchezza delle diversità.

Villa Ada si trasformerà in un vero e proprio villaggio globale, dove stand enogastronomici e di artigianato artistico regaleranno un’esperienza multisensoriale. Spazi dedicati al benessere e all’incontro saranno il punto di ritrovo per giovani, famiglie e persone di tutte le età. In questa atmosfera magica, si avrà anche l’opportunità di riflettere su temi cruciali come la salvaguardia ambientale, la valorizzazione delle diversità come fonte di arricchimento economico e sociale, e l’importanza della contaminazione culturale per promuovere la pace e lo sviluppo.

In particolare Inside Art curerà i due talk del 10 e 11 giugno con ingresso dal Laghetto di Villa Ada:

Hit the road Jack
L’ARTE E I GENERI A CONFRONTO
sabato 10 giugno – ore 11.30
Guerre, muri e nomadismo culturale. Dalla Berlino del muro all’invasione dell’Ucraina, dall’Africa al Medio Oriente: dopo il Covid, i conflitti e le divisioni sembrano aver preso velocità dietro una nuova spinta psicologica ed emotiva più radicale. Riprendiamo dunque la strada. Rimettiamoci in viaggio per tentare di capire come cambia la produzione e la comunicazione artistica all’epoca del digitale e dell’intelligenza artificiale e come questi strumenti micidiali, efficaci ed affascinanti condizionano i nostri pensieri, il nostro modo di agire, la nostra aggressività.

Modera: Guido Talarico (direttore ed editore di Inside Art)
Intervengono: Eleonora Aloise (curatrice), Aldo Runfola (artista), Andrea Lo Giudice (artista), Elena Bellantoni (artista), Raluca Montesi (artista)

Artability
L’ARTE PER LA SOSTENIBILITÀ (CULTURALE, UMANA e AMBIENTALE)
domenica 11 giugno – ore 11.30
Le istituzioni culturali, gli artisti e i creativi sono soggetti fondamentali per lo sviluppo della cultura del cambiamento e dell’innovazione. E’ a loro che bisogna guardare per promuovere lo sviluppo sociale ed innescare una rigenerazione intellettuale ed emotiva fondamentale per ripensare in modo creativo a nuove forme di civiltà, che siano più inclusive e consapevoli degli equilibri ecosistemici.

Modera: Edoardo Marcenaro (collezionista e curatore)
Intervengono: Maria Angeles Vila (artista), Saverio Terruzzi (Artivatore Cittadellarte – Fondazione Pistoletto), MAUPAL (artista)

Per iscriversi ai talk

Tutte le info qui: womadroma.it

Articoli correlati