All’ex Lanificio approda il progetto di arte “indie” Limone, protagonisti i borsisti di Villa Medici

Roma

Che l’ex Lanificio Luciani di Roma fosse un polmone creativo della città già si sapeva. E non poteva mancare questa location nel disegno delle nuove geografie contemporanee della Capitale, in un momento in cui molti artisti stanno dando vita a esperienze di sperimentazione e aggregazione in forma indipendente, una tendenza che a Roma, e non solo, sta prendendo molto piede con interessanti risultati.

Una di queste esperienze è il progetto di arte contemporanea Limone, iniziato da Michela de Mattei e Diego Miguel Mirabella a Londra nel 2016. Un artist-run-space dove diverse attitudini e ricerche convergono e si incontrano, condividendo punti di accordo e disaccordo, in prospettiva di inaspettati risultati.

Installation view. Foto Claudia Caprotti


All’ex Lanificio due giorni fa Limone ha presentato il primo capitolo di paesefortuna#0, un ciclo di dialoghi con artisti e curatori di passaggio per la Città Eterna, in collaborazione con Paese fortuna, lo studio degli artisti Josè Angelino, Alessandro Dandini de Sylva, Marco Emmanuele, Luca Grechi e Diego Miguel Mirabella, ubicato proprio negli spazi dell’ex Lanificio e nato sulle ceneri di Opera Paese, lo spazio per l’arte, musica e performance fondato da Pietro Fortuna e attivo dal 1996 al 2004.

Simon Boudvin e Anne-James Chaton, entrambi borsisti all’Accademia di Francia a Villa Medici, sono gli artisti protagonisti del primo episodio. A partire dalla storia e dalla natura del luogo, Boudvin e Chaton hanno immaginato un’installazione temporanea che copre tutta la superficie calpestabile dello studio. L’intervento dialoga liberamente con lo spazio, accordandosi di volta in volta con la ricerca degli artisti che lo vivono e il fluire delle persone.

Le capacità spaziali e relazionali di Simon Boudvin si fondono con quelle del poeta Anne-James Chaton nel testo Di uomini e di pecore, manifesto di questo lavoro a quattro mani, dando vita a un’interessante e profondo progetto di arte contemporanea.

GLI ARTISTI
Simon Boudvin ha studiato all’Accademia di Belle Arti di Parigi con l’artista Giuseppe Penone e alla Paris-Malaquais School of Architecture. Il suo lavoro si sviluppa dall’incontro dei due campi d’indagine attenzionando le mutazioni dei territori che l’artista attraversa, procedendo al loro rilievo dettagliato, alle volte alla loro ricostruzione, all’esercizio della loro descrizione, fotografandoli. Diventano argomento dei numerosi libri. Tra le mostre in Francia: La Salle de bain, Lyon, 2010; Les Églises, Chelles, 2011; CREDAC, Ivry, 2012; CRAC Alsace, 2016; RMCA, Sérignan, 2016; Les Capucins, Embrun, 2018; SHED, 2019 e all’estero: Form Content, London, 2008; Project Art Center, Dublin, 2015; Extra City, Antwerp, 2016; Kunstraum, Düsseldorf, 2016; Eugenio Almeida Foundation, Evora, 2017; MAC, Montreal, 2017.Attualmente è borsista presso Villa Medici, Accademia di Francia a Roma.

Anne-James Chaton ha sviluppato un corpo di lavoro multipolare, basato su uno studio approfondito dei materiali testuali, che costituiscono la vita quotidiana della società contemporanea. Questa letteratura ‘povera’ comprende una moltitudine di documenti stampati da macchine: ricevute di banca, di acquisti, volantini, biglietti da visita ecc. – sono la fonte delle ricerche di Anne-James nel suono, nella poesia e arte visiva, che sviluppa in progetti personali e collaborazione con artisti di diversi campi. La dimensione poliglotta del lavoro lo ha portato infatti a collaborare con artisti stranieri come: Andy Moor (The Ex), il musicista tedesco Carsten Nicolaï e il chitarrista dei Sonic Youth, Thurston Moore. I suoi libri sono pubblicati da P.O.L, casa editrice francese, e le sue musiche da Raster-Noton. Recentemente è entrato a far parte della nota etichetta discografica NOTON. Dal 2021 è borsista presso Villa Medici, Accademia di Francia a Roma.

Info: https://www.villamedici.it/attualita-degli-ex-borsisti/simon-boudvin-e-anne-james-chaton-al-limone-space/

Servizio fotografico di Claudia Caprotti

Articoli correlati