Sol LeWitt e Anna Mahler celebrati dalla Fondazione Carla Fendi al Festival di Spoleto

Spoleto

La Fondazione Carla Fendi ha deciso di fare qualcosa di speciale in occasione della 64esima edizione del Festival dei due mondi di Spoleto, in programma dal 25 giugno all’11 luglio. Un omaggio alla città valorizzando due grandi storie di arte contemporanea che si sono intrecciate con la città, quella di Sol LeWitt e di Anna Mahler. Entrambi hanno vissuto in questa città e vi hanno lavorato tra gli anni Sessanta gli Ottanta, lasciando una testimonianza molto significativa della loro opera.

La loro genialità creativa è tuttora portata avanti sul territorio dai Mahler & LeWitt Studios, il programma di residenze d’artista che le eredi, Marina Mahler, la figlia di Anna, e Carol LeWitt, moglie di Sol, hanno creato per ospitare artisti di discipline diverse provenienti da tutto il mondo. In questo contesto è nato il progetto Art&Science into Spoleto Sol LeWitt/Anna Mahler, un percorso pensato dalla Fondazione Carla Fendi per riscoprire le personalità dei due artisti e valorizzare i lavori che hanno lasciato nel territorio.
Il progetto si articola in più momenti.

IL MURALE
L’excursus parte dal grande murale con il close-up dell’opera Wall Drawing #1119 di Sol LeWitt amplificato lungo tutta la facciata del Teatro Caio Melisso Spazio Carla Fendi. A contrasto con il colorismo di una delle sculture di Anna Mahler, esposta nel foyer del Teatro.

I FILMATI
Due filmati, prodotti dalla Fondazione Carla Fendi con la regia di Gabriele Gianni, sugli artisti Sol LeWitt e Anna Mahler mettono a fuoco atmosfere, influenze culturali, storiche ed estetiche che hanno alimentato la loro creatività a Spoleto.

ABOUT SOL è Il racconto intimo e familiare della vita in Umbria dell’artista americano Sol LeWitt, attraverso i ricordi di sua moglie Carol. Da New York a Spoleto, attraverso gli stessi sentieri dei mistici medioevali. Il ritratto di un uomo
generoso e nello stesso tempo schivo, che ha trovato in Italia: “La formula della pittura e l’ha riproposta
attraverso la geometria del suo lavoro.

NOTES ON STONE è la storia emozionante dell’artista viennese Anna Mahler, figlia del compositore Gustav Mahler
e della scrittrice Alma Schindler musa dell’ambiente culturale mitteleuropeo nei primi anni del Novecento.
Il ritratto, attraverso il racconto della figlia Marina, di una donna che ha anticipato il nostro tempo, libera e indipendente, non alla ricerca del successo, ma di un riconoscimento tale da permetterle di realizzare opere sempre più
monumentali.

IL PERCORSO
Dopo il grande murale in Piazza Duomo si passa nelle piccole vie del centro storico dove si incontrano numerosi Studios, fino ad arrivare alla Torre Bonomo, costruzione medioevale un tempo residenza e spazio espositivo della gallerista Marilena Bonomo, intimamente legata all’esperienza italiana di Sol LeWitt, dove tuttora le figlie di Marilena, Alessandra e Valentina, organizzano mostre. Negli Studios lavorano gli artisti provenienti da tutto il mondo, ospitati in residenza per portare avanti la tradizione creativa e sperimentale del luogo, nel solco tracciato da LeWitt e Mahler.

PALAZZO COLLICOLA
Palazzo Collicola è l’ultima tappa del percorso. Qui cinque stanze al piano terreno del museo sono dedicate al percorso cittadino tra le opere dei due artisti e dei giovani residenti. La Sol LeWitt room, interamente affrescata dall’artista, è tra le testimonianze più importanti della sua creatività a Spoleto.

IL PREMIO CARLA FENDI 2021
Il momento conclusivo del progetto è anche quest’anno il Premio Carla Fendi. Quest’anno, ovviamente, è dedicato alla memoria di Sol LeWitt e Anna Mahler e viene consegnato agli eredi degli artisti.

Info: https://www.festivaldispoleto.com/

Articoli correlati