Il Game Changer di Banksy all’asta per 2,5 mln di sterline. Il ricavato sarà donato al servizio sanitario nazionale inglese

Londra

Banksy torna a far parlare di sé, questa volta grazie alla messa all’asta di una delle sue opere più evocative dell’ultimo anno, Game Changer, apparsa per la prima volta a maggio su uno dei muri del Southampton General Hospital, a sud dell’Inghilterra. L’opera di Banksy è un chiaro riferimento all’impegno in prima linea dei medici per il contenimento del Covid sulla popolazione inglese. Ed è stata l’opera diventata un simbolo delle commemorazioni inglesi del primo lockdown dello scorso anno, un evento drammatico e di portata storica.

Banksy, Game Changer, oil on canvas, 35.78 x 35.78in. (91 x 91cm.), painted in 2020. Courtesy Christie’s
Banksy, Game Changer, oil on canvas, 35.78 x 35.78in. (91 x 91cm.), painted in 2020. Courtesy Christie’s


L’asta è iniziata ieri da Christie’s e per l’opera di Banksy la base di partenza è di 2,5 milioni di sterline, poco meno di 3 milioni di euro, ma ovviamente non è da escludersi che il prezzo possa essere alla fine più elevato. Ne sarebbe soddisfatto il sistema ospedaliero britannico, visto che il ricavato sarà donato al servizio sanitario nazionale.

Proprio un anno, il 23 marzo 2020, iniziava il lockdown in Inghilterra. A quasi un mese di distanza da quello italiano.

Una riproduzione dell’opera di Banksy resterà comunque esposta all’ospedale dove è comparsa in origine. Messaggi di gratitudine allo street artist sono stati già rivolti dai vertici del nosocomio di Southampton, da organizzazioni legate al servizio sanitario britannico e da medici e infermieri.

https://www.banksy.co.uk/