Eventi

Vasily Kandinsky

Pioniere dell’astrazione e famoso teorico dell’estetica, Vasily Kandinsky (Mosca, 1866 – Neuilly-sur-Seine, Francia, 1944) è uno degli artisti più innovativi dell’inizio del XX secolo. Il suo intento di liberare la pittura dai suoi legami con il mondo naturale lo ha portato a scoprire un nuovo tema basato esclusivamente sul ”bisogno interiore” dell’artista, una domanda che lo accompagnerà per tutta la vita. Durante il 1900 e gli anni ’10, mentre viveva a Monaco, Kandinsky iniziò a esplorare le possibilità espressive del colore e della composizione. Tuttavia, lo scoppio della prima guerra mondiale nel 1914 lo costrinse a lasciare la Germania. Al ritorno nella nativa Mosca, il vocabolario pittorico di Kandinsky iniziò a riflettere gli esperimenti utopici dell’avanguardia russa, che attribuiva grande importanza alle forme geometriche al fine di stabilire un linguaggio estetico universale. Successivamente, Kandinsky è entrato a far parte del Bauhaus come insegnante, la scuola di arte e design con cui condivideva la convinzione che l’arte è in grado di trasformare l’essere umano e la società. Ancora una volta costretto a lasciare la Germania quando il Bauhaus fu chiuso sotto la pressione dei nazisti nel 1933, Kandinsky si stabilì alla periferia di Parigi, dove l’influenza del Surrealismo e delle scienze naturali era evidente nell’uso del biomorfismo nella sua iconografia. 

La storia di Kandinsky è intimamente legata, al di sopra di quella di qualsiasi altro artista, a quella della Fondazione Solomon R. Guggenheim, fondata a New York nel 1937. Il suo fondatore, l’industriale Solomon R. Guggenheim, iniziò a collezionare le opere di Kandinsky nel 1929, e l’anno successivo conosce l’artista al Bauhaus di Dessau. Questa mostra presenta opere provenienti dai vasti fondi del pittore di proprietà della Fondazione per illustrare appieno la sua carriera epocale.

Guggenheim museum (Bilbao)

Avenida Abandoibarra, 2 48009 Bilbaohttp://www.guggenheim-bilbao.es/

Commenti