Eventi

Michela Picchi, lady o tiger?

Lo spazio espositivo Divario, il nuovo contenitore artistico capitolino teso a promuovere la creatività in tutte le sue forme, ospita fino al 2 maggio 2020 le opere dell’artista Michela Picchi nella sua prima personale romana. La mostra Michela Picchi – The Lady, or the Tiger? trasporta nella dimensione di un fantastico mondo dalla vivace intensità cromatica. Le opere esposte sono pitture su tela, disegni su carta, sculture in resina e a led, emblematiche della produzione dell’artista. Michela Picchi, romana, vive a Berlino da sei anni, ma gli anni che considera fondamentali per la sua crescita artistica cono stati quelli trascorsi ad Hong Kong. Lì infatti produce quella che considera la sua prima vera serie di illustrazioni con la sua palette di colori che caratterizzano la sua arte. I colori pop dai forti contrasti cromatici, le atmosfere psichedeliche, e le forme riempite da colori privi di ombre e sfumature, chiuse da linee nette, sono i suoi principali tratti distintivi. Tra i soggetti ricorrenti, legati al suo vissuto personale, ci sono sempre due animali: la tigre e il cavallo. Se il secondo è particolarmente caro all’artista perché legato ai ricordi d’infanzia, la tigre rappresenta una figura privilegiata dagli albori della sua produzione artistica. La tigre simboleggia potenza, forza istintiva, regalità e protezione, aspetti che l’artista attribuisce anche all’indole femminile e in cui si riconosce.

Ambasciatrice del disegno italiano all’estero, attualmente Michela Picchi collabora con brand come Apple, Nike, Adidas e anti altri. Attraverso le opere esposte da Divario, selezionate appositamente tra le sue molteplici creazioni, l’artista ha scelto di esporre opere con soggetti floreali e animali. Tulipani, tigri, cavalli e creature del mondo fantastico dai colori pop ma anche in bianco e nero offrono per la prima volta al pubblico capitolino una visione trasversale del linguaggio artistico di Michela Picchi.

Dal 7 marzo al 2 maggio 2020
Divario, via Famagosta 33, Roma
Info: https://divario.space/

 

Commenti