Ultimora

Avinoam Shalem è il nuovo direttore dell’ American Academy

A partire da luglio 2020 l’American Academy avrà un nuovo direttore. Si tratta di Avinoam Shalem che succede a John Ochsendorf, che tornerà alla sua posizione di professore di Architettura Civile e Ingegneria Ambientale al MIT (Massachusetts Institute of Technology) dopo il suo mandato triennale che terminerà a giugno. ”L’Accademia è molto fortunata ad avere uno studioso del calibro di Avinoam Shalem che offre una prospettiva nuova e variegata come direttore’’, ha affermato Mark Robbins, presidente dell’ American Accademy. ”I suoi risultati accademici, la generosità intellettuale e l’approccio globale alla borsa di studio lo rendono una scelta ideale.” Shalem, professore per le arti dell’Islam nel Dipartimento di Storia dell’Arte e Archeologia alla Columbia University, ha studiato all’Università di Tel Aviv e all’Università di Monaco prima di conseguire un dottorato all’Università di Edimburgo nel 1995. È specializzato nella storia dell’arte islamica, con una forte enfasi sull’arte araba nel bacino del Mediterraneo, nel Vicino Oriente, così come in Spagna, nell’Italia meridionale e in Sicilia. Si concentra anche sull’arte dell’oggetto, compresa l’estetica secolare e sacra, nonché sulle interazioni artistiche ebraiche, cristiane e islamiche nel Mediterraneo.

Sono estremamente lieto ed entusiasta di lavorare con la comunità internazionale dell’American Academy in Rome”, ha affermato Shalem. “Non vedo l’ora di continuare la lunga tradizione dell’Accademia di promozione del pensiero innovativo incoraggiando un approccio interdisciplinare che esamina le zone intermedie, come quelle tra arte e storia dell’arte, storia e prosa, musica e filosofia, architettura e archeologia.”

Non estraneo all’Accademia, Shalem è stato Lester K. Little Scholar-in-Residence del 2016 e ha lavorato con la realtà come consulente per il seminario di ricerca Framing Medieval Mediterranean Art and Archaeology oltre ad essere stato anche un partecipante chiave alla recente conferenza, Arte e architettura islamica in Italia: tra tradizione e innovazione.

 

Commenti