Ultimora

Marcenaro e la sua collezione

Dall’arte, ai dollari, alla Circulart. Da Andy Warhol, a Keith Haring, all’arte per tutti. Di questo hanno parlato ieri al Circolo Artistico Tunnel di Genova l’editore Guido Talarico e il collezionista Edoardo Marcenaro, partecipando ad IQOS Art Talk, gli eventi in cui si approfondisce il rapporto tra la cultura e l’innovazione organizzati da Philip Morris. Da fondatore di Inside Art e del Talent Prize, il premio dedicato ai giovani talenti emergenti, Talarico da tempo collabora con IQOS proprio per valorizzare le grandi innovazioni che avvengono in campo artistico.

A Genova è stata l’occasione di Marcenaro, che di mestiere fa avvocato, è infatti un giurista impegnato a seguire soprattutto sul fronte internazionale una multinazionale come Enel, ma che abbina con pari successo la professione al collezionismo e alla curatela. Marcenaro da anni colleziona opere che abbiamo come elemento espressivo di base la carta moneta, dollari in particolare. Al Tunnel di Genova Marcenaro ha presentato in anteprima assoluta sei pezzi importanti della sua collezione, vale a dire cinque opere di Warhol e una di Keith Haring, naturalmente tutti lavori che avevano il foglietto verde come protagonista. Interrogato da Talarico, Marcenaro ha spiegato cosa ci sia dietro quella che lui ha battezzato la ”Circulart”.”Il re della pop art – ha detto Marcenaro – firmando i dollari ha utilizzato la moneta americana come simbolo della fruibilità di massa delle opere d’arte. Io sono partito da questa intuizione geniale per estenderla ad altri artisti e ad altre monete. Del resto cosa altro circola più delle monete? Cosa altro è più popolare dei soldi”?  La collezione di Marcenaro è tra le più ricche e articolate del settore a livello internazionale. In oltre 10 anni di acquisti e anche scambi l’avvocato di origini genovesi ha saputo allestire un insieme di opere di grande prestigio e valore, il che dimostra ancora una volta come, anche nel collezionismo, bisogna sapere abbinare la conoscenza, all’originalità del pensiero, all’innovazione per l’appunto.

Commenti