Ultimora

Akira Zakamoto all’ Atelier Montez

Continua la stagione espositiva di Altelier Montez, lo spazio dedicato all’arte contemporanea nato nel 2012 dal progetto dell’Artista Gio Montez, Giacomo Capogrossi e dell’Architetto Francesco Perri. La location, immaginata come una vera e propria fabbrica di creatività nata per contrastare l’espansione incontrollata della periferia urbana con attività culturali, da sabato 7 dicembre ospita la mostra dell’artista Akira Zakamoto, all’ anagrafe Luca Motolese, a cura di Giancarlo Carpi e presentata da Marcella Magaletti. ”Ho creato il personaggio Akira Zakamoto quindici anni fa, sulle rive di un lago montano vicino Biella – spiega l’artista – Ero in un periodo decisamente confuso della mia esistenza e pensai fosse cosa saggia cambiare nome e lasciarmi alle spalle la mia parte oscura. Gli donai il nome del mio regista preferito e divisi il cognome tra il protagonista del mio videogioco preferito e la prima parte del mio cognome terrestre. Gli scrissi una biografia verosimile che parlava di rapimenti ufo e profezie, molti la credettero vera confermandomi che per persuadere sono sufficienti un paio di media. In fine gli feci giurare di dipingere per tutta la vita il futuro del genere umano, i bambini.”
Nei lavori in mostra, visitabili fino al 15 gennaio, l’elemento surreale e quello fantastico risultano centrali: rivivono Gundam, Actarus, Devilman e Goldrake, immaginati come guerrieri ed eroi, eletti a giustizieri supremi nella pittura di immagini tutt’altro che sentimentali. Quello che emerge è un insieme di immagini evocative che trasmettono messaggi inequivocabili, spesso ironici, talvolta surreali, attraverso un linguaggio universale che si appella ai ricordi dei cartoni animati, ancora oggi presenti nella memoria di chi guarda.

Info: Atelier Montez,  via di Pietralata 147/a a Roma, aperto tutti i giorni, eccetto il lunedì, dalle 18 alle 22. Negli stessi orari di apertura sarà possibile visitare anche la collezione di opere d’arte contemporanea in esposizione permanente nel Salotto Montez

Commenti