Ultimora

L’eredità presente

L’Eredità Presente è un festival di performance e arte dal vivo che desidera aprire una riflessione sull’esperienza di ricevere e trasferire la conoscenza. È un’occasione per supportare il dialogo tra diverse generazioni che hanno esperienza di grandi cambiamenti paradigmatici a livello storico. L’esperienza del dopo-guerra, l’introduzione della telematica nella comunicazione quotidiana, i disastri ambientali, l’instabilità dei mercati, la politica dell’austerità, la migrazione globale, la sesta estinzione di massa: in che maniera il presente agglomerato di generazioni riesce a rapportarsi con questi problemi a livello collettivo? Che tipo di collaborazione è auspicabile per mettere in connessione i differenti saperi necessari alla risoluzione dei problemi?  Qual è il ruolo che si prefigura oggi per la memoria storica? Questi sono gli argomenti che desideriamo esplorare attraverso un linguaggio universale e non-verbale: la performance. L’età e l’esperienza dei performers invitati variano, includendo artisti nati attorno al 1950 con 40 anni di esperienza nel campo, e artisti nati negli anni ’80 con una decade di pratica artistica. Questa varietà è vista come una risorsa necessaria per aggregare differenti percezioni del presente. Il tema de L’Eredità Presente è in relazione con il tema della BAM di quest’anno grazie al suo interesse per un processo di apprendimento permanente e aperto: qual è il punto di accesso per ricevere la nostra eredità culturale? Quali sono le barriere culturali, cognitive, ideologiche, sociali, politiche, tecnologiche, e inter-generazionali che stiamo fronteggiando? Tanti gli artisti invitati: Claudia Di Gangi, Erika De Martino, Nastia Eliseeva, Shinji Kanki, Liina Kuittinen, Dario Lo Cicero, Giuseppe Lomeo, Nkosilathi Emmanuel Moyo, Egle Oddo, Leonardo Ruvolo, Mohamed Sulaiman Labat, Tomasz Szrama, Timo Tuhkanen, Vishnu Vardhani Rajan, Roi Vaara, Oliver Whitehead, Willem Wilhelmus.

SEDI E DATE

Il progetto si articola in tre momenti distinti: un seminario, un festival di performance e una mostra.
La presentazione progetto e il seminario L’Eredità Presente: Imparare la Vocazione alla Mediazione, è in programma Il 19 novembre dalle 16:00 alle 18:00 al Teatro Garibaldi, via Teatro Garibaldi, 46-56, PalermoL’artista Egle Oddo presenta il programma L’Eredità Presente. A seguito un breve seminario condotto in collaborazione con l’Unità Operativa Mediazioni e Giustizia Riparativa di Palermo e con Collective Intelligence. Parte della serie di talks coordinata da KAD e Dimora Oz. L’entrata è gratuita e aperta a tutti.
Il Festival di Performance: L’Eredità Presente è in programma invece il 22 – 23 -24 novembre dalle 17:30 alle 20:30 a Palazzo Sambuca, Via Francesco Riso 9, sede di Dimora Oz. Alcune performances accadranno in esterni del centro storico, i luoghi precisi annunciati qui: https://www.facebook.com/events/512008769640557/. Il Festival desidera aprire una riflessione sull’esperienza di ricevere e trasferire la conoscenza, supportando il dialogo tra diverse generazioni. Prodotto da Myymälä2 gallery.
La mostra l‘Eredità Presente e le Intelligenze Collettive infine è in programma dal 28 novembre al 6 dicembre e sarà visitabile ogni Giovedì e Venerdì dalle 17:00 alle 20:00 a Palazzo Sambuca, Via Francesco Riso 9, sede di Dimora Oz. Le tracce delle performances realizzate durante il festival verranno installate in galleria convertendosi in una visualizzazione del passaggio di testimone tra generazioni diverse.

GLI ORGANIZZATORI E I PROMOTORI

L’artista Italiana Egle Oddo, ideatrice e coordinatrice del progetto L’Eredità Presente, ha iniziato nel 2015 una ricerca aperta alla partecipazione di artisti, attivisti e scienziati. Il progetto si chiama Collective Intelligence, e nel tempo ha prodotto una serie di eventi, residenze artistiche, mostre e scambi culturali tra la Finlandia e l’Italia, protrattisi anche durante Manifesta12 a Palermo. BAM – La Biennale dell’Arcipelago Mediterraneo, è un contesto fertile e accogliente per continuare a coltivare gli scambi professionali e le relazioni culturali che stanno crescendo tra Helsinki e Palermo. La partecipazione del gruppo Collective Intelligence alla BAM è supportata dall’Arts Promotion Centre Finland, dai partners galleria Myymälä2 e Pixelache Helsinki, con il patrocinio dell’Ambasciata di Finlandia a Roma. La Fondazione Kone e l’Università di Palermo supportano la ricerca scientifica di uno dei progetti presentati. L’Orchestra Giovanile Multietnica Quattrocanti diretta dal Maestro Pietro Marchese collabora con una delle performance. I partner locali supportano la comunicazione dell’evento e sono Dimora Oz, e KAD. La critica d’arte e scrittrice Lori Adragna è stata invitata ad affiancarsi al progetto attraverso la produzione di testi critici. L’Unità Operativa Mediazioni e Giustizia Riparativa di Palermo sarà presente all’evento con un breve seminario sull’importanza che ha la mediazione per la coesione sociale. Documentazione dell’evento a cura di .

info: https://www.facebook.com/events/512008769640557/

 

 

Commenti