Ultimora

L’arte tra passato e futuro

L’eredità storica influenza il futuro. È questo quello che è emerso dall’intimo dialogo tra lo storico dell’arte Philippe Daverio e la giornalista Alessandra Borghese in cui, attraverso un percorso a ritroso in tutte le diverse epoche della storia dell’ arte, è risultata incredibilmente evidente la capacità degli artisti – e dell’arte stessa – di andare sempre oltre e riuscire a comprendere le sfaccettature della realtà non evidenti a tutti. Il dibattito, organizzato nella cornice IQOS Embassy di Milano, è partito prendendo come esempio due particolari iscrizioni che si trovano a Palermo – la prima sulla facciata del Teatro Massimo, la seconda su una lapide marmorea d’epoca normanna – utilizzate da Daverio proprio per sottolineare il ruolo dell’eredità storica e di come questa consegni all’arte  il compito di costruire un futuro che coniughi innovazione e rinnovamento. Ed è proprio il tema dell’ innovazione e del rapporto tra il passato e il futuro che caratterizza le Embassy IQOS, dove si cerca costantemente di accendere i riflettori sui temi della sperimentazione e dell’ innovazione, sostenendo iniziative di divulgazione di alto livello e collaborando con importanti personalità, capaci di raccontare svolte radicali nell’ambito della propria disciplina. E l’incontro con Davvero e Borghese ne è stata la conferma.

Commenti