Ultimora

Talent Prize 2019, Roland Burkart


Nel lavoro di Roland Burkart, finalista del Talent Prize 2019, lo spazio viene interpretato come una proiezione mentale che si manifesta solamente a seguito di un’ esperienza sensoriale derivante delle domande innescate dalla nostra relazione con lo spazio e dal nostro concetto di esso. Your Infinity, infatti, a prima vista è percepita come un cubo di specchio dimensionale. Osservandolo attentamente però si nota che il riflesso creato non corrisponde alla realtà, ma riproduce, armonizzandoli insieme, il destinatario, il suo ambiente e una griglia bianca infinita. L’installazione mette in scena, quindi, il carattere ideale di quello spazio, rafforzato dal fatto che rimane inaccessibile e intoccabile dietro le pareti di vetro. Solo lo sguardo può farne parte, manifestandosi come un non-luogo parallelo. La griglia riflessa, inoltre, rappresenta il sistema di orientamento umano costituito da cellule cerebrali che producono proprio una griglia esagonale attraverso la quale ci orientiamo. 

Burkart,  francese, classe 1990 si è diplomato all’Accademia di Belle Arti di Monaco nella classe di Peter Kogler. Nel 2014 entra a far parte dell’ Autocenter Summer Academy di Berlino nella classe di Carsten Nicolai e nel 2015 espone nella sua personale Hot town, summer in the city, alla Galerie Christine Mayer, Monaco di Baviera. Nel 2017 vince il Premio Cultura Baviera. Your Infinity insieme agli altri lavori selezionati dalla giuria del Talent Prize, sarà al Mattatoio di Roma dal 31 ottobre al 13 novembre (opening 30 ottobre ore 18.30).

Commenti