Ultimora

La scuola di Londra arriva a Roma

A settembre il Chiostro del Bramante riapre la stagione con un grande progetto espositivo: la mostra Bacon / Freud in cui i due grandi rappresentanti della Scuola di Londra, Francis Bacon e Lucian Freud vengono proposti al pubblico per la prima volta insieme nel nostro paese. Insieme a loro anche artisti eterogenei, nati tra l’inizio del Novecento e gli anni Trenta, e immigrati in Inghilterra per motivi differenti e poi rimasti a Londra per studiare, lavorare e vivere. La mostra, curata da Elena CrippaCurator of Modern and Contemporary British Art, alla Tate,  propone una selezioni dei lavori più significativi degli artisti che, in tutto il loro percorso, hanno messo al centro della loro ricerca una ”nuova” visione della realtà basata sulla centralità del soggetto che da strumento diventa quasi ossessione.  Si tratta, dunque, di  lavori che hanno segnato un’epoca e ispirato generazioni, avendo utilizzato la pittura per raccontare la vita fatta di fragilità, energia, opposti, eccessi, evasioni e verità. Grazie a uno straordinario prestito di Tate, l’esposizione offre uno scorcio degli anni della guerra e del dopoguerra,  delle storie di immigrazione, delle tensioni e delle miserie e, insieme però del desiderio di cambiamento, di  ricerca e introspezione, del ruolo della donna, del dibattito culturale e riscatto sociale. Il progetto espositivo aprirà con una serie di opere degli anni Quaranta e Cinquanta del Novecento: autoritratti o ritratti di amici e amanti che mostrano la capacità di questi artisti di fissare sulla tela sguardi e anime, con un’osservazione che travalica ogni idea canonica di bellezza. Il percorso prosegue con un nucleo significativo di opere di Francis Bacon, dipinti e disegni delle sue celeberrime figure isolate, tra cui lavori chiave come Study for a Portrait (1952) e Portrait of Isabel Rawsthorne (1966) Si proseguirà poi con Lucian Freud,  presentato attraverso una serie di dipinti e disegni realizzati nel corso della sua lunga carriera come Girl with a White Dog (1950-1) e Standing by the Rags (1988-9).

 

 

 

Commenti