Ultimora

Hypermaremma, pronto il terzo capitolo

Si sa, quando una storia ti appassiona non aspetti altro che arrivi il nuovo capitolo. Ti godi ogni pagina, ogni storia, ogni nuovo personaggio sperando però, in fondo, che la fine non arrivi troppi velocemente. E quando la storia coinvolge giovani artisti contemporanei ogni pagina diventa ancora più appassionante. È quello che sta succedendo in Toscana, e in particolare in Maremma, dove questo weekend è in programma Pampa, il terzo capitolo di Hypermaremma, il progetto ideato da Giorgio Galotti e Carlo Pratis, immaginato per riportare l’attenzione su questa area geografica grazie all’intervento di artisti emergenti e contemporanei invitati a relazionarsi con la storia del luogo, il panorama che lo caratterizza e le sue atmosfere. Sabato 13 luglio, in particolare, dalle 18.00  alle 21.00 un intervento site specific di Thomas Kratz e Vincenzo Schillaci prenderà forma per una mostra di opere pittoriche all’interno e all’esterno degli antichi fienili delle stalle de La Capanna di Sant’Irma, sulle colline di Capalbio, che ancora ospitano la rinomata razza di cavalli maremmani. Ogni cavallo diventerà il primo destinatario e osservatore di questo intervento e condividerà il proprio spazio vitale con i dipinti progettati per loro. I visitatori occasionali, che in questo caso diventeranno i successivi fruitori, saranno invitati ad accedere a questa zona di intimità stabilita tra l’opera d’arte e l’animale. Il terzo capitolo del progetto si concluderà domenica 14 luglio, all’Azienda Agricola Diaccialone a Pescia Fiorentina, dove una mostra e una sessione musicale di 10 ore,  con l’ intervento di Leonardo Petrucci e Hitnes, prenderà forma dalle 14 fino a sera.

Commenti