Ultimora

Calzolari in mostra al Madre

Una grande retrospettiva dedicata a Pier Paolo Calzolari, uno dei maggiori esponenti dell’ Arte Povera degli anni 70. Così apre la stagione estiva del museo Madre di Napoli che fino al 30 settembre propone al pubblico la mostra Painting as a Butterfly a cura di Achille Bonito Oliva e Andrea Villani. La scelta dei curatori si concentra sulla produzione pittorica e disegnativa di Calzolari proponendo, nelle sale principali di tutti  tre i piani del Palazzo, oltre 70 dipinti, disegni e opere multimateriche, di cui 28 mai esposti prima in un’istituzione pubblica italiana, realizzati dalla metà degli anni Sessanta a oggi, che documentano tutti i principali cicli e fasi della ricerca dell’artista. Si tratta di lavori che Calzolari realizzò a partire dagli anni Sessanta dipinti e disegni che, nonostante sicuramente meno conosciuti, rappresentano una componente fondamentale della sua pratica artistica. Si tratta, infatti, di opere che mettono in luce una riflessione sulle relazioni fra colore, forma, oggetto e ambiente in cui vengono messi in relazione concetti apparentemente antitetici quali materie naturali e rappresentazione pittorica, astrazione e figurazione, dimensione visuale e performativa, spazio-tempo dell’opera e dell’ambiente in cui essa si inserisce, riplasmandolo.

Una mostra ricca di riferimenti artistici che riesce in modo egregio anche ad esplorare la relazione tra l’Arte Povera e la Transavanguardia (affermatasi alla fine degli anni Sssanta), da sempre considerate in opposizione l’una all’altra: se la prima fu intesa anche come rifiuto delle tecniche artistiche tradizionali a favore dell’uso di materiali quotidiani, ordinari e organici; la seconda (affermatasi alla fine degli anni Settanta) fu intesa invece come un fare non lineare che attraversa la storia dell’arte e di tecniche, materiali, forme e motivi ispiratori, per riproporli in un dinamico rapporto con la sensibilità contemporanea. Analizzando le loro possibili e molteplici relazioni, questa mostra diviene quindi uno strumento di ricerca volto a approfondire una pratica artistica complessa e articolata quale quella di Calzolari, ponendola in una relazione criticamente aperta con la storia dell’arte contemporanea italiana

Commenti