Eventi - Trends

Moda d’artista

C’è tempo fino 28 febbraio per vedere l’installazione/performance di Sylvio Giardina al Mattatoio di Roma. Un lavoro dal titolo Vertigo, inquadrato nell’ambito di Alta Roma, con cui lo stilista-artista ha riaffermato l’ispirazione prevalentemente artistica del suo lavoro. I due ambiti sono, nel suo immaginario, entità complementari e reciprocamente indispensabili, e si contaminano di continuo senza rigidi confini.

Citando gli effetti visivi seducenti ed evocativi della Shadow Art – espressione artistica mirata alla creazione di ambienti immersivi e di visioni poetiche attraverso la retroilluminazione di oggetti tridimensionali – l’installazione coinvolge lo spettatore in un dialogo sommesso di citazioni e di rimandi tra i giochi chiaroscurali generati dalle proiezioni su oggetti in cristallo molato e la minuzia geometrica dei preziosi intarsi in tulle e in organza degli abiti, che si impongono nello spazio con la leggerezza di presenze leggiadre ed evanescenti ma forti di un’anima sartoriale magistralmente elaborata.

La stratificazione di materiali trasparenti, il cristallo, il tulle, e la struttura immersiva dell’installazione, fatta di luce, suono, ombre e volumi, trascinano lo spettatore in una vertigine audio-visiva e nella dimensione atemporale e sospesa di una lanterna magica ”riportando alla mente il mito della caverna di Platone, l’ingannevolezza dell’ombra come metafora della conoscenza, sensibile e intellettiva, ma anche l’idea di memoria del vissuto personale che riaffiora sotto forma di descrizione nitida e ossessiva di un dettaglio o, viceversa, come immagine magnificata di un ricordo lacunoso e offuscato” come spiega nel testo curatoriale Emanuela Nobile Miro.

La mostra è promossa da Roma Capitale e Azienda speciale Palaexpo ed è presentata nel padiglione 9B del Mattatoio.

Info: Piazza Orazio Giustiniani, 4  Roma
Dal martedì alla domenica dalle 14.00 alle 20.00.
www.mattatoioroma.it

Foto Salvatore Dragone


 

Commenti