Eventi

L’esempio di Fondazione Roma

Tra pochi giorni si svolge il Talent Prize, una manifestazione artistica sostenuta per anni dalla Fondazione Roma e oggi da Fondazione Cultura e Arte, emanazione della Fondazione Terzo Pilastro. Ma se tale prestigiosa istituzione continua a essere così attenta e responsabile nei confronti delle attività artistiche e culturali (e non solo) del territorio in cui opera, lo si deve soprattutto alla sua ”drittura”, al suo aver saputo resistere alle pressioni della politica che negli anni ha tentato di ”imbrigliarla” e controllarne le attività attraverso il Ministero dell’Economia e delle Finanze. Il Prof. Emmanuele F.M Emanuele, invece, negli anni, coerentemente con la mission delle fondazioni di origine bancaria, così come stabilito dalla legge Amato, ha voluto ribadire l’autonomia della sua Fondazione. Negli anni, nonostante le interferenze politiche perpetuate dai governi che si sono succeduti, la Fondazione Roma ha continuato sempre a promuovere e sostenere innumerevoli progetti artistico-culturali, ma anche volti all’innovazione e alla ricerca in campo medico. Un vero esempio di sussidiarietà, con l’obiettivo di promuovere anche a Roma e in Italia i criteri di quella big society di cui il professore Emanuele è uno dei più riconosciuti artefici a livello europeo.

Sul Tempo di venerdì Franco Bechis ha raccontato i retroscena del passaggio di testimone ai vertici della Fondazione Roma, da Emanuele a Franco Parasassi, che fino a quel momento era direttore generale. Un passaggio che, come scrive Bechis ”sarebbe comunque avvenuto a breve, ma che è stato forzato dal ministero dell’Economia e delle Finanze (Mef) in un momento particolarmente delicato della vita della Fondazione Roma. Erano infatti in corso trattative delicatissime per il tentativo di salvataggio della Fondazione di Ferrara, che si trovava in stato di sostanziale dissesto e che aveva lanciato un sos proprio al professore Emanuele con una richiesta formale di intervento”.

Nonostante ciò Emanuele è rimasto presidente onorario della Fondazione Roma e presidente della Fondazione Terzo Pilastro, da lui creata. E questa nobile realtà ha dato un esempio di stile e trasparenza nel riorganizzare il suo nuovo estabilishment. E continua a rappresentare un motore di cultura, arte, solidarietà, sussidiarietà, sviluppo e innovazione.

Il Talent Prize, il premio ideato da Guido Talarico e promosso da Inside Art, non a caso ha voluto istituire il Premio speciale Emmanuele Emanuele. L’obiettivo è quello di continuare a raccontare un personaggio che con la sua caparbietà ha fatto tanto per il Paese, e per la sua cultura, nonostante le avversità.

Per rileggere l’articolo di Bechis clicca qui.

Commenti