Stupor mundi – L’origine

Palermo

Venerdì 15 Aprile 2016 alle ore 16,00 all’interno della Sala Gialla del Palazzo Reale si inaugura l’evento Stupor mundi/l’origine. Si tratta di un progetto ideato da Filippo di Sambuy, con la collaborazione di Aldo Taranto e di Giovanna dalla Chiesa, curatrice della mostra, ispirato ai simboli chiave legati alla figura di Federico II, quale fondatore di quella integrazione fra le culture greca, latina, araba, ebraica, e persino di una lingua unificante, la romanza, a cui ancora oggi possiamo rivolgerci, come a un modello, per l’ appunto all’ ”origine” un primo disegno di integrazione nazionale. In occasione delle prossime manifestazioni legate alla proclamazione dei siti arabo normanni come patrimonio Unesco, le due Istituzioni di Palazzo Reale e Museo Riso hanno accolto con entusiasmo l’idea di collaborare alla realizzazione della mostra che presenta oltre a tre grandi installazioni pavimentali, una serie di progetti preparatori, una scultura lignea e il Ritratto di Federico II, permettendo al pubblico di ripercorrere una parte del tradizionale itinerario con una lettura contemporanea grazie ai lavori di Filippo di Sambuy.

Le opere saranno visibili all’interno di Palazzo Reale, nel cortile Maqueda, nella Cappella dell’Incoronazione che rievoca i fasti dell’Imperatore all’interno della navata, nella Cripta e nella Loggia dell’Incoronazione, spazi ”out” del Museo e a completamento del percorso, nella grande Vetrina esterna di Palazzo Belmonte Riso. L’evento, organizzato dall’Associazione Mesime, patrocinato dall’Assessorato dei Beni Culturali e dell’identità Siciliana, Museo Riso e dalla Fondazione Federico II, è stato realizzato grazie al fondamentale sostegno della Fondazione Terzo Pilastro – Italia e Mediterraneo. L’inaugurazione avverrà con l’apertura del Convegno L’Origine in cui si analizzerà la contemporaneità del messaggio di Federico II. Il Prof. Avv. Emmanuele Francesco Maria Emanuele, Presidente della Fondazione Terzo Pilastro, nonché uno dei principali relatori del convegno, che sin dall’inizio ha creduto a questo prestigioso progetto, permettendone la realizzazione, ha spiegato: «La figura di Federico II incarna, con la sua personalità affascinante e poliedrica, il modello ideale di uomo e di dominus: egli fu, infatti, fine giurista, attento legislatore, architetto, letterato, poeta, mecenate, cattolico ma critico sull’invasività del potere temporale della Chiesa, lungimirante filantropo dalle idee progressiste. Non a caso, era conosciuto con l’appellativo ”stupor mundi”, ”stupore del mondo”, che dà il titolo a questa importante mostra. Un progetto, concepito da Filippo di Sambuy, che restituisce alla città di Palermo e alla Sicilia quel ruolo centrale che ne fece l’epicentro dell’incontro e dell’osmosi di culture nel XII secolo, così come auspico possa accadere ancora oggi, grazie al recupero di una dimensione politica mediterranea che sappia fare effettivamente da ponte tra Europa, Asia e Africa, senza trascurare la vocazione universale». A questo intervento e a quello dei curatori si affiancheranno quelli dei Direttori delle Istituzioni coinvolte, dell’Assessore alla Cultura della città di Palermo, ospite della manifestazione, e di importanti critici e studiosi della figura di Federico II, fra i quali Ferdinando Maurigi e Francesco Vergara.

Sedi: Palazzo Reale, Cortile Maqueda, Piazza del Parlamento,1 (chiuso lunedì e festivi ingresso gratuito)

Cappella dell’Incoronazione: Via dell’Incoronazione,13 (chiuso lunedì, ingresso gratuito)

Vetrina di Palazzo Belmonte Riso: Corso Vittorio Emanuele, 365 (chiuso lunedì, ingresso gratuito)

Info: www.stupormundi.com