Eventi

Ioanna Xera – La grandezza della semplicità

Da sabato 5 marzo (fino al 13 marzo), alla Sala espositiva Cantine del Bramante, in Vicolo degli Stemmi a Loreto (AN), inaugura la prima mostra personale italiana della pittrice ellenica Ioanna Xera, promossa ed organizzata dall’Accademia Angelico Costantiniana di Lettere Arti e Scienze e curata da Raffaella Salato.
Nata il 1956 a Sperchiada di Fhtiotida vicino Lamia, Grecia, Ioanna Xera è oggi la pittrice naïf che meglio rappresenta l’animo del popolo greco. Laica, ma allo stesso tempo permeata di grande religiosità, attraverso la sua vena pittorica intende frenare il degrado della società contemporanea, ricordando le antiche virtù delle donne e degli uomini greci, promuovendo l’amore verso l’ambiente e la natura. L’artista ha ricevuto alte onorificenze a carattere internazionale e le sue opere si trovano in collezioni pubbliche e private in Grecia, Italia e America. Nota come “la pittrice di Roumeli”, è solita illustrare, nei suoi dipinti, usi e costumi folkloristici ma anche episodi religiosi, che hanno a che fare con la storia e la costruzione dei grandi monasteri bizantini, raccontando con il pennello i fatti che hanno lasciato il segno nel tempo, fino ad arrivare alla rivoluzione contro gli Ottomani. Xera narra gli eroi, che hanno combattuto per la fede cristiana e la difesa dei simboli del popolo greco, ma anche gli uomini del popolo, i bambini, le piccole ed umili abitazioni dei paesi, i paesaggi di campagna. Con tratto romantico, chiarezza stilistica e vivacità cromatica, riesce a magnetizzare lo spettatore risucchiandolo nel suo mondo.

In mostra oggi a Loreto, oltre 30 tele che riproducono importanti luoghi di culto della sua terra, paesaggi bucolici ed fondamentali avvenimenti della storia greca, eccezionalmente esposte in occasione del grande evento che celebra il 700° anniversario della basilica di Loreto, mediante un Simposio Internazionale e una solenne preghiera alla Madonna Theotokos, con la Casa Angelo-Comneno Ducas di Tessaglia ed Epiro con l’Alto Patronato della Delegazione Pontificia del Santuario della Santa Casa di Loreto e della Sacra Arcidiocesi Ortodossa d’Italia e Malta del Patriarcato Ecumenico. L’ultima opera realizzata da Ioanna Xera, tra l’altro, vede riprodotto artisticamente il luogo della Tessaglia nel quale furono custodite le Sacre pietre della casa di Nazareth, secondo le recenti ricerche storiche pubblicate sulla rivista Studi sull’Oriente Cristiano (Rivista scientifica di Classe A al MIUR), prima della loro traslazione a Loreto a cura della casa Angelo Dukas Comneno di Tessaglia ed Epiro. Tale opera è stata donata all’ultimo legittimo erede degli Angelo Dukas Comeno di Tessaglia ed Epiro, S.A.R. e I. il Principe Avv. Alessio Ferrari Angelo Comneno di Tessaglia, Presidente dell’Accademia Angelico Costantiniana di Lettere Arti e Scienze.

 

 

Sala espositiva Cantine del Bramante

Vicolo degli Stemmi Loreto (AN)http://www.accademiacostantiniana.org

Commenti