Premio arti visive san Fedele

Milano

Riflessioni sul corpo e il sacro con opere di Francesco Arecco, Gaspare, Massimiliano Gatti, Isabella Mara, Mario Scudeletti, Serena Zanardi, a cura di Andrea Dall’Asta SJ e Daniele Astrologo Abadal, Ilaria Bignotti, Matteo Galbiati, Chiara Gatti, Kevin McManus. Non è oggi facile parlare del corpo. Figli di un’antropologia d’ispirazione cartesiana che poneva l’accento sulla separazione tra anima e corpo, tra una res cogitans e una res extensa concepite come due entità in opposizione, siamo oggi coscienti che l’unità dell’uomo deve superare le scissioni e le separazioni che hanno caratterizzato tutta la storia della cultura occidentale. «Io non ho un corpo ma sono corpo», ricorda Nietzsche, sottolineando in questo modo che la corporeità non è il semplice attributo di un soggetto o un involucro da cui doversi liberare nell’attesa di un improbabile «al di là» separato dalla realtà, ma un termine che vuole esprimere un’equivalenza tra l’io e il corpo stesso. L’«io» è «corpo». Noi siamo corpo. Non utilizziamo o adoperiamo il corpo per le nostre azioni, come se fosse uno strumento di cui disporre. Come ricorda Sartre, quando scriviamo, noi siamo la nostra mano. Siamo i nostri occhi che vedono o le nostre mani che sentono.