Terre vesuviane

pompei

Gli artisti presenti in questa mostra (G. Calabrese, O. Caldara, G. Ferraro, F. Gracco, T. Gracco, V. Miranda, P. Rosamilia) ci ricordano che le terre vesuviane, i territori cioè all’ombra del Vesuvio, ma per estensione anche quelli limitrofi appartenenti alla Campania felix dei romani, non sono soltanto discariche e veleni, come da più parti si vuol far credere ultimamente, ma soprattutto luogo millenario d’incontro di culture diverse, custodi di una ricchezza naturalistica e umana di inestimabile valore. Sono tutti artisti di questa terra, impegnati a livello internazionale a compiere la propria missione: estrarre dall’ambiente in cui sono nati l’humus necessario per sviluppare bellezza e poesia.