Eventi

L’arte è vita, la vita è arte

È poeta, fotografo e artista Peter Uhlmann, che espone nello spazio Cerere con la sua personale Art is love and life a cura di Lucrezia De Domizio Durini e Massimo Riposati. Natura e uomo sono le tematiche che reggono come pilastri le varie sfaccettature dell’intera sua opera. Il percorso che segue l’arte del creativo ha origine nella propria intimità, nell’introspezione e nelle esperienze personali. La poesia è centrale e ispiratrice dell’intero corpus in mostra; conduce a un silenzio rumoroso che si inoltra nel paesaggio della dimensione onirica posseduta e sentita, e che risente della distorsione del sogno.

Il disegno, dal tratto deciso, accompagna l’esperienza poetica in maniera vivida e allude alla materia impalpabile del ricordo. Esposte gigantografie fotografiche. Il sentimento amoroso permea tutto il suo lavoro con la delicatezza della sensibilità d’animo. Prevale il carattere armonico delle diverse modalità di espressione. L’artista si appella a un monito che declina verso la saggezza. La mostra è anche una pubblicazione di Lucrezia De Domizio Durini, con l’introduzione di Massimo Riposati e il saggio della storica dell’arte Pilar Parcerisas, pubblicazione che racconta il punto di vista, lo svolgimento artistico e la linea di pensiero dell’opera di Uhlmann; è edito da Edizioni Carte Segrete in italiano, tedesco, inglese e francese.

L’inaugurazione dell’esposizione è un vero e proprio evento: si svolge il concerto per piano del maestro Marco Rapattoni che esegue la composizione inedita For Peter Uhlmann. Life and Love, una performance di danza Love and Life di Nathalie Brauld e Gerardo Dicrola, mentre l’attrice Gaia Riposati rappresenta la voce accompagnata dal suono delle parole mute di Olivier de Champris, Aldo Roda, Filippo Rolla, Maurizio Ruzzi, Andrea Valcalda e Duilio Zogno. Lo scopo che sottende tutto il fine espressivo di Uhlmann si può sintetizzare in una frase: «L’Artista deve essere al servizio della società.»

Spazio Cerere, via degli Ausoni 3, Roma; info: www.spaziocerere.it

Commenti