Ispirazioni metafisiche

Lo spazio Entroterra di Brescia ospita la personale di Marco Manzella Il canto del pino sull’acqua. Fa parte dell’iniziativa con cui la città festeggia l’arte contemporanea, un denso calendario di mostre ed eventi culturali pronti a stimolare l’interesse dell’opinione pubblica in merito al tema dell’arte.

Dopo due anni dalla sua ultima mostra bresciana, Manzella torna a presentare i suoi lavori più recenti. Tempere su tela o su tavola e alcuni disegni con tematiche urbane, coloratissimi pastelli su carta scura. Il titolo della mostra si ispira a uno degli aspetti che nell’ultimo periodo l’artista sta sviluppando con maggior passione, il paesaggio. Le opere seguono un percorso ben definito, un’esplorazione della mitologia e della figura umana in un rapporto simbiotico con la natura, l’acqua e il cielo. Il suo stile, molto vicino alla pittura metafisica e al realismo degli anni Venti e Trenta, ha caratteristiche che ricordano la pop britannica e statunitense.

Manzella, nato a Livorno nel 1962, dopo aver frequentato il liceo artistico a Brescia, si diploma in restauro. Studia e approfondisce le tecniche antiche e moderne dei dipinti murali per dedicarsi definitivamente alla sola pittura. Ha iniziato l’attività espositiva nel 1985 sviluppando costantemente il suo interesse per alcuni episodi della pittura toscana del ‘400 e ‘500 e per l’arte figurativa del ‘900. Nel 1997 inizia ad avvicinarsi alla pittura figurativa e l’anno seguente, con il patrocinio del comune di Brescia, partecipa al “Plein-air internazionale” di Mirabel, organizzato dalla città di Darmstadt, Germania, iniziando un fecondo rapporto con alcune gallerie tedesche. Attratto dalla cultura iberica, dal 2001 il suo lavoro viene riconosciuto in Spagna con la presentazione delle sue opere in spazi istituzionali. Parallelamente all’attività pittorica una parte della sua produzione è dedicata al disegno, con soggetti tratti dai suoi viaggi negli Stati Uniti, in Portogallo, Irlanda, Svezia e Spagna; numerosi i temi dei paesaggi e delle spiagge della Versilia, dove da qualche anno si è trasferito.

Fino al 26 novembre
Spazio Entroterra
viale Bornata, Borgo Pietro Wuhrer, Brescia
Info: www.entroterra.it