La trascendenza dei luoghi

Alla galleria Uno + Uno di Milano sono in mostra le opere di Noemie Goudal (1984); parigina d’origine, è un’artista in fotografia. Le ambientazioni che compaiono nelle sue opere partono da luoghi reali per poi perdersi in trascendenza. Come fossero palcoscenici dove si narrano storie, artifici, in cui realtà e immaginazione vanno a nozze, come in quella fotografia dove una cascata di tessuto fa pensare a un velo da sposa oltre che a uno scroscio d’acqua fresca.

Il titolo dell’esibizione è “Les amants”. Noemie Goudal racconta: «In questa serie gli amanti sono la natura e gli elementi costruiti dall’uomo. Le immagini rappresentano una storia che e già avvenuta, in questo senso si, e come se le fotografie fossero state epurate». È come se nelle fotografie di Noemie i luoghi stessi potessero parlare, come se fossero abitati da qualche essenza fantastica, come se l’artista cercasse di catturarne l’immagine.

«Vado alla ricerca di spazi desolati – aggiunge l’artista – perche sono affascinata da come la natura riesca in alcuni casi a predominare su ciò che l’uomo ha costruito e prodotto, sono interessata alle tracce che il tempo lascia sui luoghi. Osservo i segni di vicende accadute invitando l’osservatore a ricostruire le storie a partire da elementi di un tempo passato. Sono attenta alle tracce lasciate dagli oggetti nel mondo e a come spesso vi attribuiamo significati che sono nostri, tipici dell’uomo, non loro».

Fino al 31 gennaio
galleria Uno + Uno
via Via Ausonio 18, via Ariberto 19, Milano
Info:02.8375436; www.galleriaunopiuuno.com