Scatti italoamericani

Il vincitore della III edizione del Premio Iila-Fotografia, nell’ambito di Fotografia, festival internazionale di Roma, è l’artista messicano Pablo López Luz, con un lavoro incentrato sul paesaggio che ha come oggetto la periferia urbana di Città del Messico. Da sue dichiarazioni vede il paesaggio «come simulacro sociale e politico, o semplicemente, come uno spazio d’interazione» perché in esso «si confrontano l’essenza naturale di uno spazio specifico e l’essenza umana che rende possibile, facendolo suo, ciò che la circonda». L’artista è quindi protagonista della mostra “Lo crudo cocido”, a cura del Segretario culturale dell’Iila Patricia Rivadeneira, presso l’omonima galleria di Roma che ha dedicato il premio a giovani fotografi latinoamericani.

Insieme a Pablo López Luz sono presenti in mostra Cynthia Nudel dell’Argentina, la seconda classificata; Nicolás Wormull del Cile, terzo classificato; Diego Spivacow, argentino, che ha ricevuto la menzione d’onore; Julieta Anaut, Argentina; Andrea Padilla, Argentina; Eva Pedroza, Argentina; Bruno Zorzal, Brasile e Rómulo Peña, Venezuela. Il tema dell’evento, cui hanno partecipato oltre 60 fotografi, era “La natura in relazione alla metropoli” nella ricerca di un dialogo fra natura e società. La giuria era presieduta da Patricia Rivadeneira, segretario culturale Iila, insieme a Marco Delogu, direttore artistico di Fotografia, e composta da Paul Wombell, curatore della sezione Fotografia e arte contemporanea del festival e collaboratore di PhotoEspaña a Madrid, Simonetta Lux, Direttore del Mlac, Museo laboratorio di arte contemporanea dell’università Sapienza di Roma e Paolo Angelosanto, artista. Inoltre Marco Delogu supporterà Pablo López Luz nella sua residenza di un mese all’Iila in cui realizzerà un lavoro su Roma, come previsto dal premio.

Infine insieme alla mostra “Lo crudo cocido” che sarà presentata anche a Washington al Centro culturale del Bid, Banco interamericano de desarrollo, nella sede del Macro Future di Roma sarà allestita l’esposizione del progetto di José Manuel Castrellón realizzato nel 2009 durante la sua residenza all’Iila affiancata da Emiliano Paoletti e ottenuta in seguito alla vincita della scorsa edizione del premio.

Fino 23 ottobre
Galleria dell’Iila,
Istituto italo-latino Americano
Scuderie di palazzo Santacroce
vicolo dei Catinari 3, Roma
Info: 0668492.224; www.iila.org

Articoli correlati