L'artista dell'acqua

È una duplice storia, “Down by the water”, il percorso dell’artista Silvia Camporesi e il processo creativo di un’opera. La mostra, che si tiene alla Micamera, photography and lend-based arts di Milano, abbraccia, infatti, tutti i lavori realizzati fino a oggi dalla Camporesi, unendoli a un ideologico cammino che rimarca i vari passaggi del processo creativo, dall’ideazione alla realizzazione.

Già dal titolo attribuito alla mostra, è possibile capire quale sia il filo conduttore di tutte le opere: l’acqua. L’elemento viene reinterpretato dalla Camporesi come filtro che trasforma oggetti e persone, in quanto privo di caratteristiche proprie, quali odore colore e sapore; così l’acqua assorbe le caratteristiche degli oggetti immersi in essa, o addirittura trasmette le proprie a quegli stessi oggetti. La mostra comincia con “Deep”, tratto dalla serie Un diverso stato, opera cronologicamente più recente, dove il soggetto è l’artista stessa, immersa nell’acqua. Dalla recentissima serie Eravamo persone come alberi, sono state riprese sia immagini che ritraggono nuovamente l’artista ma questa volta nei panni di cinque importanti figure femminili, sia diverse foto dei Castelli modenesi che prendono ispirazione da Il castello interiore della mistica Teresa D’Avila.

Il percorso fotografico si conclude con cinque inediti ispirati alla figura di Ofelia. La mostra termina con il video “Dance dance dance”, che nasce da un’esperienza personale dell’artista: l’aver notato, nuotando in una piscina, la croce sul bordo vasca, portandola così ad una riflessione sul tema della fede. Nel video viene quindi rappresentata una donna vestita di rosso che entra nella piscina e nuota senza sosta; il movimento ripetitivo, porterà allo svelamento del simbolo della croce.

Nata a Forlì nel 1973 dove vive e lavora, l’artista si è laureata in filosofia all’università di Bologna. Oggi unisce all’attività artistica, quello di docente di fotografia e critica dell’immagine all’università di Forlì e Cesena. La mostra è in oltre accompagnata da un workshop di tre giorni dal titolo “Fare arte, creatività e progettualità nella fotografia contemporanea” da venerdì 21 maggio a domenica 23 maggio.

Fino al 5 giugno
Micamera, via Medardo Rosso 19, Milano
Info: www.micamera.com

Articoli correlati