Paesaggi dell'anima

Paesaggi rarefatti, immense distese di luce candida e evocativi silenzi. Sono spazi ancestrali, tra cui le terre innevate della Finlandia, quelli che il giovane fotografo Kalle Kataila ha catturato e presenta nella sua prima personale in Italia “Landscapes and contemplations”, ospitata fino al 5 marzo nello storico palazzo Marengo di Torino. La mostra, che racchiude una ventina di fotografie della recente produzione di Kataila, vuole essere per lo spettatore un viaggio dei sensi, un omaggio sinestetico dove alla contemplazione della visione si unisce la suggestione della fantasia. Immagini dalla composizione bilanciata, da osservare tenendo a mente le note minimali della musica dei Sigur Ròs.

Piccole figure umane si stagliano nel paesaggio, dominato da una quiete surreale, amalgamandosi in un auspicabile equilibrio con gli elementi naturali che tanto peso hanno nel paesaggio. Kalle Kataila, che nonostante la giovane età è uno tra i maggiori esponenti della cosiddetta scuola di Helsinki, ha già all’attivo numerose mostre in musei e gallerie, dalla recente collettiva alla Kunsthalle Helsinki alla personale all’Harbourfront centre di Toronto. Le sue fotografie hanno viaggiato dalla Scandinavia alla Francia, dalla Russia alla Corea del Sud in occasione dell’"Ulsan international photography festival". La mostra, curata da Monica Trigona, inaugura il nuovo anno espositivo dell’Alessandro Marena project: una nuova galleria d’arte il cui obiettivo è promuovere giovani e talentuosi artisti che si esprimono attraverso linguaggi interdisciplinari e d’avanguardia.

Finao al 5 marzo
palazzo Marenco

via Giuseppe Pomba 17, Torino
Info: www.alessandromarenaproject.com; www.kallekataila.com.

Articoli correlati