Ultimora

AAA: cercasi performer disperatamente


L’obiettivo è quello di far diventare La Pelanda – Mattatoio di Roma sede di un laboratorio permanente sulla performance con una forte caratterizzazione interdisciplinare.
Per farlo Palaexpo lancia un nuovo progetto sperimentale, in programma da marzo a maggio 2019,  con l’obiettivo di far nascere nel 2020, proprio a La Pelanda- Mattatoio, un corso di alta formazione e un laboratorio permanente sui diversi linguaggi di questa forma artistica (teatro danza, musica e arti visive).

Caratterizzazione principale del progetto sarà l’interdisciplinalità e non mancheranno partenariati con alcuni festival di eccellenza.
L’aspetto didattico e la forte connotazione interdisciplinare saranno, inoltre, garantiti dalla partecipazione di istituzioni universitarie, di docenti italiani ed internazionali attivi nelle varie discipline e dal coinvolgimento stesso del gruppo di studenti e partecipanti, che diverranno i veri attivatori della ricerca collettiva, discorsiva e intermediale.

La prima fase del progetto partirà con ciclo di quattro workshop, gratuiti, immaginati come degli strumenti di apprendimento e di scambio orizzontale, capaci di far dialogare i vari ambiti delle arti performative e far emergere le specificità delle singole discipline per creare nuovi territori esperienziali e diverse forme espressive.

I workshop avranno luogo negli spazi de La Pelanda al Mattatoio e coinvolgeranno, come docenti, Luigi Presicce, non tantoprecisi, Fanny&Alexander e Stefano Battaglia, secondo il seguente calendario:

L’Accademia dell’immobilità, Luigi Presicce, 19 – 31 marzo 2019
Il workshop si concentrerà sul concetto dell’ immobilità ovvero sullo riuscire a stare immobili e a rimanere tali per un tempo prolungato che secondo Presicce rappresenta l’esatto punto in cui performance e pittura si incontrano.

La scena presente, gruppo teatrale nontantoprecisi, 9 – 14 aprile 2019
Un lavoro di ricerca e sperimentazione sugli elementi fondamentali del dispositivo teatrale: “spazio–tempo–corpo”.  Un laboratorio strutturato attraverso esercizi e azioni fisiche creativi che emergono come risposta a indicazioni di lavoro suggerite dal conduttore. Qual è lo spazio della scena? Quale tempo svolge lo sviluppo dell’azione? Qual è il corpo che agisce dandosi a vedere?

BAUM! I libri di oz: dalla letteratura al teatro! – Fanny&Alexander, 8- 11 maggio 2019
a cura di Fondazione Romaeuropa
Il laboratorio sarà dedicato al lavoro drammaturgico finalizzato alla messa in scena per la fascia del teatro ragazzi. Il laboratorio si articolerà intorno al mondo di Oz, cui Einaudi ha dedicato, nel 2017, un Millennio e dal quale la compagnia partirà per uno spettacolo per bambini che debutterà alla fine del 2019. Fulcro del percorso laboratoriale sarà il dialogo che può intrecciarsi tra lavoro di traduzione e sviluppo drammaturgico finalizzato alla creazione di uno spettacolo per bambini.

 La Performance – Dare vita e dare forma, Stefano Battaglia, 14 – 19 maggio 2019
Il laboratorio sarà aperto a qualsiasi disciplina artistica dell’espressione del sé, senza limiti di età. È rivolto a chiunque sia interessato alla dimensione espressiva e all’esperienza performativa, sia in un senso concretamente attivo che esclusivamente esperienziale e filosofico.

Gli interessati ai workshop dovranno far pervenire la loro candidatura inviando all’indirizzo di posta elettronica laboratori.pelanda@palaexpo.it entro e non oltre le ore 23.00 del 4 marzo 2019 l’apposita domanda di partecipazione scaricabile online dal sito internet del Mattatoio (www.mattatoioroma.it), dove sono indicati i requisiti per la partecipazione e i criteri di selezione.

Un’ulteriore Open Call sarà resa pubblica nel mese di aprile 2019, per l’iscrizione ai laboratori della secondafase di sperimentazione del progetto prevista per i mesi di giugno, luglio e agosto 2019.

 

Commenti