Ultimora

Alla Fondazione del Monte una mostra ripercorre l’evoluzione del paesaggio nell’arte contemporanea

Dal 26 gennaio al 13 aprile 2019, una mostra della Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna ripercorre l’evoluzione del paesaggio nella storia dell’arte contemporanea italiana con le opere di 17 artisti nati tra gli anni ’60 e ‘80 a confronto con Sant’Elia, Schifano, Superstudio e Ghirri. Dipinti, sculture, video, fotografie e installazioni di artisti nati tra gli anni ‘60 e gli ’80 in dialogo con un nucleo di opere realizzate da figure di spicco del XX secolo. Panorama. Approdi e derive del paesaggio in Italia, questo il titolo della rassegna a cura di Claudio Musso, traccia un percorso che da lontano arriva a toccare anche temi di attualità, dalla politica all’ecologia, dalla cultura al turismo. «La mostra – spiega il curatore – intende indagare un genere caro alla storia dell’arte, il paesaggio. Gli artisti invitati hanno sviluppato nelle loro ricerche individuali e collettive un approccio inedito alle questioni aperte dalla catena di relazioni tra natura e architettura, mappa e territorio, realtà e rappresentazione». Il concetto di paesaggio ha subito nel corso del Novecento diverse evoluzioni: discipline come l’architettura, l’antropologia, la sociologia, la semiotica, hanno aperto un dibattito, ancora in corso, nel quale le arti visive hanno avuto un ruolo di primo piano. La natura ambigua della parola stessa “paesaggio” fa sì che entro il suo campo semantico si collochino accezioni che nei decenni hanno dimostrato di essere in continua contraddizione: l’urbano e l’extraurbano, il centro e la periferia, l’ordine e il disordine, lo spontaneo e il programmato. Tra gli artisti in mostra: Andreco, Riccardo Benassi, David Casini, Mauro Ceolin, Andrea Chiesi, Luca Coclite, Valentina D’Amaro, Andrea De Stefani, Martino Genchi, Daniel Gonzàlez, Filippo Minelli, Margherita Moscardini, Giovanni Oberti, Francesco Pedrini, Laura Pugno, Marco Strappato, Davide Tranchina. Fino al 13 aprile, info: www.fondazionedelmonte.it

Commenti