Eventi

Balla a Villa Borghese

Dal 29 novembre al 17 febbraio al Museo Carlo Bilotti, Aranciera di Villa Borghese, nel cuore del grande parco romano, Balla a Villa Borghese, luogo ideale in cui ospitare la mostra antologica dedicata esclusivamente alle opere dipinte da Giacomo Balla nella Villa. L’esposizione indaga la sua prima produzione pittorica che, non ancora futurista, è già uno studio della luce e del colore. Nell’estate del 1904 Balla si trasferisce in un monastero in via Parioli 6, l’attuale via Paisiello e qui, in luogo molto diverso da quello che è oggi il quartiere Parioli, dipinge ciò che osserva dalla finestra del suo studio o ciò che incontra nei dintorni. Fino alla realizzazione nel 1910 del grande Polittico con Villa Borghese: il parco dei daini, il tema della natura ai confini della città, uno dei primi temi sperimentali che il pittore affronta, è per Balla ciò che per Cézanne è la Montagna Saint-Victoire: una materia da indagare fino ai limiti dell’astrazione. La mostra, curata da Elena Gigli, storica dell’arte che da anni si occupa della catalogazione dell’opera di Balla, raccoglie circa 30 opere riunite organicamente secondo una suddivisione tematica, come, nell’epoca Futurista, saranno per esempio i temi della Rondine, dell’Automobile in corsa, le Linee forza di paesaggio, le Trasformazioni forme spirito, il Mercurio che passa davanti al sole, ecc. Nelle sale del primo piano è poi presentata una serie di scatti del fotografo Mario Ceppi realizzati negli stessi luoghi dipinti nelle tele in mostra, creando una connessione e attualizzando i soggetti rappresentati da Balla. A questa si aggiunge la proiezione del film Balla e il Futurismo, di Jack Clemente, un documento ormai storico che racconta la vita  e l’opera di Balla, vincitore nel 1972 del Leone d’Argento alla Biennale di Venezia nella sezione documenti d’arte. Info: www.ballavillaborghese.it

 

Museo Carlo Bilotti

viale Fiorello la GuardiaRoma http://www.museocarlobilotti.it

Commenti