Ultimora

Ancora lite Italia-Francia per Leonardo da Vinci. Nessun opera dell’artista vola Oltralpe

Marcia in dietro: Leonardo da Vinci non si muove dall’Italia. Il Louvre di Parigi ha infatti previsto una grande mostra dedicata al genio del Rinascimento fissata per settembre del 2019 come ricorrenza dei 500 anni dalla morte dell’artista. Per l’occasione aveva chiesto in prestito al Belpaese un gran numero di lavori conservati nella penisola firmati da Leonardo e di proprietà dello Stato.

Il permesso era stato accordato dal governo precedente ma ora la leghista Lucia Borgonzoni, sottosegretaria al Ministero per i beni e le attività culturali, trova la faccenda assurda e ritratta con il Louvre. «Leonardo è italiano e in Francia ci è solo morto. Lui non è Leonardò ma Leonardo e dare al Louvre tutti quei quadri significa mettere l’Italia ai margini di un grande evento culturale, anche perché pure i Lincei stanno preparando una loro mostra per agosto – spiega la sottosegretaria al Corriere della Sera –. Bisogna rimettere tutto in discussione. Nel rispetto dell’autonomia dei musei, l’interesse nazionale non può essere messo in secondo piano. I francesi non possono avere tutto». 

Commenti