Eventi

Quelque part dans le désert

Dal 14 settembre al 2 dicembre, il Musée d’art Moderne de la Ville de Paris ospita una rassegna dedicata al fotografo Ron Amir, di Tel Aviv, classe 1973. La mostra, già esposta al Museo d’Israele a Gerusalemme nel 2016, raccoglie una trentina di fotografie a colore di grande formato e sei filmi. Nei suoi lavori Amir mostra la condizione di vita dei rifugiati eritrei e sudanese, scappati dal regime di terrore e dall’oppressione del loro paese d’origine, mentre erano nei campi di detenzione Holot nel deserto di Neguev, ormai chiuso. I rifugiati potevano circolare liberalmente le giornate ma dovevano tornare al campo ogni sera e farsi contare dalla guardia e non avevano l’autorizzazione per lavorare. Le fotografie di Ron Amir sono molto poetiche e suggeriscono la realtà piuttosto che mostrarla brutalmente. Si concentrano sulla creatività e l’istinto di sopravvivenza e di comunità sviluppato dai rifugiati con il poco di materiali che avevano a disposizione: bastoni, sabbia, pietre. Ciò che all’inizio, può sembrare semplice fotografia di paesaggio si svela un messaggio politico potente.

Musée d'art moderne de la Ville de Paris

11 Avenue du Président Wilson, 75116 Paris, FranciaParigihttp://www.mam.paris.fr/

Commenti